Salta al contenuto principale

Verso la definizione del nuovo Statuto
Focus rapporti tra lo Stato e la Regione

Basilicata

Tempo di lettura: 
3 minuti 0 secondi

 

(ANSA) - POTENZA, 24 FEB - Nel corso di una riunione della prima Commissione consiliare (Affari istituzionali) della Regione Basilicata c'è stata un’audizione del direttore dell’Istituto di Studi sui Sistemi Regionali, Federali-Cnr, Stelio Mangiameli, sui temi della "Evoluzione nei rapporti tra Stato, Regione ed Enti locali e consolidati orientamenti della giurisprudenza costituzionale" e della "Collaborazione orizzontale tra le Regioni". Lo ha reso noto l’ufficio stampa dell’assemblea specificando che ai lavori ha partecipato anche il presidente del Consiglio regionale, Piero Lacorazza.
Il presidente della Commissione, Vito Santarsiero (Pd), ha ribadito “l'importanza del lavoro svolto nel corso della precedente legislatura con la necessità di recuperare la grande qualità della bozza approntata dalla Commissione di merito. Una nuova stagione, dunque, dal federalismo in una ottica più ampia e collaborative tra i vari enti”.
Mangiameli ha parlato "di un quadro complessivo complicato ereditato dalla legislatura precedente. Un vero disegno politico alla base del discredito delle Regioni e delle loro competenze legislative, dando spazio al gossip ad alle responsabilità del singolo. Una logica perversa che puntava al ridimensionamento del sistema autonomistico. Si è cercato di inficiare settori fondamentali per il ruolo e, dunque, la capacità di spesa delle Regioni. Tutto questo senza valutare che le Regioni hanno avuto un ruolo fondamentale nel ridurre gli esiti della crisi internazionale con , tra l’altro, l’assistenza, i servizi, il sostegno alla spesa. Fondamentale - ha proseguito Mangiameli - una idea diversa rispetto al rapporto tra Giunta e Consiglio e tra i poteri dei due presidenti. Rispondere - ha concluso - con forza all’attacco concentrico alla democrazia territoriale con una risposta più stretta nella relazione tra istituzioni regionali e, soprattutto, con la collaborazione orizzontale tra le Regioni”. (ANSA).

Nel corso di una riunione della prima commissione consiliare (Affari istituzionali) della Regione Basilicata c'è stata un’audizione del direttore dell’Istituto di Studi sui Sistemi Regionali, Federali-Cnr, Stelio Mangiameli, sui temi della "Evoluzione nei rapporti tra Stato, Regione ed Enti locali e consolidati orientamenti della giurisprudenza costituzionale" e della "Collaborazione orizzontale tra le Regioni". 

 

Lo ha reso noto l’ufficio stampa dell’assemblea specificando che ai lavori ha partecipato anche il presidente del consiglio regionale, Piero Lacorazza.

Il presidente della commissione, Vito Santarsiero (Pd), ha ribadito «l'importanza del lavoro svolto nel corso della precedente legislatura con la necessità di recuperare la grande qualità della bozza approntata dalla Commissione di merito. Una nuova stagione, dunque, dal federalismo in una ottica più ampia e collaborative tra i vari enti».

Mangiameli ha parlato «di un quadro complessivo complicato ereditato dalla legislatura precedente. Un vero disegno politico alla base del discredito delle Regioni e delle loro competenze legislative, dando spazio al gossip ad alle responsabilità del singolo. Una logica perversa che puntava al ridimensionamento del sistema autonomistico. Si è cercato di inficiare settori fondamentali per il ruolo e, dunque, la capacità di spesa delle Regioni». 

«Tutto questo senza valutare che le Regioni hanno avuto un ruolo fondamentale nel ridurre gli esiti della crisi internazionale con , tra l’altro, l’assistenza, i servizi, il sostegno alla spesa. Fondamentale - ha proseguito Mangiameli - una idea diversa rispetto al rapporto tra Giunta e Consiglio e tra i poteri dei due presidenti. Rispondere - ha concluso - con forza all’attacco concentrico alla democrazia territoriale con una risposta più stretta nella relazione tra istituzioni regionali e, soprattutto, con la collaborazione orizzontale tra le Regioni».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?