Salta al contenuto principale

Troppo "ricchi" per avere i fondi
Il MiBac escude la Basilicata 6 anni dopo

Basilicata

Tempo di lettura: 
5 minuti 44 secondi

VA bene che la politica ormai da troppo tempo è sinonimo di inciucio e malaffare, ma non si può gridare al complotto o vedere il male dappertutto, soprattutto quando il male non c’è. 

E’ il caso del primo atto da ministro dei Beni culturali di Dario Franceschini che destina oltre 135 milioni di euro a 46 interventi di restauro dei beni culturali in Campania, Calabria, Puglia e Sicilia. Basta leggersi per intero le cinque pagine del decreto n.5 del 2014 del Ministero dei Beni e delle attività culturali e del turismo per sgomberare il campo da qualsiasi congettura sulla presunta esclusione della Basilicata da questi fondi.  

Nessuna dimenticanza, nessun dolo. Il capo di gabinetto del ministro (il lucano Gianpaolo D’Andrea) non era distratto e il ministro Franceschini non ci ha voluto fare un dispetto. Il decreto in questione  finanzia “roba vecchia” e non perchè si tratta di recupero di aree di attrazione culturale, ma perchè assegna risorse al Programma operativo interregionale (PoIn) “Attrattori culturali, naturali e turismo” datato 2008. Tempi in cui il Pil della Regione Basilicata era ben al di sopra del 75% della media comunitaria per poter entrare a far parte della cosiddetta “Area convergenza”, quella cioè che comprende le regioni in ritardo di sviluppo e consente di accedere a progetti  volti a promuovere condizioni che favoriscano la crescita e fattori che portino a una convergenza reale per gli Stati membri e le regioni meno sviluppate. 

Sorprende, perciò, l’interrogazione che con estrema sollecitudine è stata presentata al Ministro dei Beni Culturali dall’onorevole di Forza Italia, Cosimo Latronico, per chiedere “quali sono le motivazioni che hanno escluso la regione Basilicata dal provvedimento del Ministero che attraverso un decreto  autorizza 46 nuovi interventi di restauro nelle regioni dell’obiettivo convergenza: Campania, Calabria, Puglia e Sicilia”.  Latronico è parlamentare di lungo corso e dovrebbe comprenderle da sè le  ragioni dell’esclusione della regione Basilicata, nonostante, com’egli stesso ricorda nell’interrogazione,  sia stata “riamessa a titolo transitorio nell’obiettivo di convergenza”. 

La Basilicata è rientrata quando l’istruttoria del MiBac, sul PoIn finanziato dal decreto n.5, era già abbondantemente chiusa. In ogni caso, proprio a conferma del fatto che non si tratta del solito provvedimento confezionato su misura per gli amici degli amici,   il decreto ministeriale lascia una porta aperta a tutti i progetti di recupero esclusi, prevedendo  ai punti 3 e 4 dell’articolo 1 l’obbligo per i beneficiari di indire entro il termine perentorio del 30 aprile 2014 le procedure  di evidenza pubblica per avviare la fase operativa degli interventi previsti e la rimodulazione dell’elenco entro il 31 maggio 2014 con la redistribuzione delle risorse eventualmente revocate a “ulteriori interventi ammissibili rispetto ai criteri di selezione PoIn- Pac a seguito delle apposite istruttorie tecniche da svolgersi tra MiBact e Regioni”.  

Certo non c’è da fare il tifo, in maniera del tutto inopportuna- come nel caso della sottosegretario Francesca Barracciu per Cagliari capitale europea della Cultura nel 2019- per le defezioni altrui, ma da tenersi pronti con progetti presentabili da candidare a finanziamento sicuramente sì.

m.agata@luedi.it

Sorprende, perciò, l’interrogazione che con estrema sollecitudine è stata presentata al Ministro dei Beni Culturali dall’onorevole di Forza Italia, Cosimo Latronico, per chiedere “quali sono le motivazioni che hanno escluso la regione Basilicata dal provvedimento del Ministero che attraverso un decreto  autorizza 46 nuovi interventi di restauro nelle regioni dell’obiettivo convergenza: Campania, Calabria, Puglia e Sicilia”.  Latronico è parlamentare di lungo corso e dovrebbe comprenderle da sè le  ragioni dell’esclusione della regione Basilicata, nonostante, com’egli stesso ricorda nell’interrogazione,  sia stata “riamessa a titolo transitorio nell’obiettivo di convergenza”. La Basilicata è rientrata quando l’istruttoria del MiBac, sul PoIn finanziato dal decreto n.5, era già abbondantemente chiusa. In ogni caso, proprio a conferma del fatto che non si tratta del solito provvedimento confezionato su misura per gli amici degli amici,   il decreto ministeriale lascia una porta aperta a tutti i progetti di recupero esclusi, prevedendo  ai punti 3 e 4 dell’articolo 1 l’obbligo per i beneficiari di indire entro il termine perentorio del 30 aprile 2014 le procedure  di evidenza pubblica per avviare la fase operativa degli interventi previsti e la rimodulazione dell’elenco entro il 31 maggio 2014 con la redistribuzione delle risorse eventualmente revocate a “ulteriori interventi ammissibili rispetto ai criteri di selezione PoIn- Pac a seguito delle apposite istruttorie tecniche da svolgersi tra MiBact e Regioni”.  Certo non c’è da fare il tifo, in maniera del tutto inopportuna- come nel caso della sottosegretario Francesca Barracciu per Cagliari capitale europea della Cultura nel 2019- per le defezioni altrui, ma da tenersi pronti con progetti presentabili da candidare a finanziamento sicuramente sì.
Sorprende, perciò, l’interrogazione che con estrema sollecitudine è stata presentata al Ministro dei Beni Culturali dall’onorevole di Forza Italia, Cosimo Latronico, per chiedere “quali sono le motivazioni che hanno escluso la regione Basilicata dal provvedimento del Ministero che attraverso un decreto  autorizza 46 nuovi interventi di restauro nelle regioni dell’obiettivo convergenza: Campania, Calabria, Puglia e Sicilia”.  Latronico è parlamentare di lungo corso e dovrebbe comprenderle da sè le  ragioni dell’esclusione della regione Basilicata, nonostante, com’egli stesso ricorda nell’interrogazione,  sia stata “riamessa a titolo transitorio nell’obiettivo di convergenza”. La Basilicata è rientrata quando l’istruttoria del MiBac, sul PoIn finanziato dal decreto n.5, era già abbondantemente chiusa. In ogni caso, proprio a conferma del fatto che non si tratta del solito provvedimento confezionato su misura per gli amici degli amici,   il decreto ministeriale lascia una porta aperta a tutti i progetti di recupero esclusi, prevedendo  ai punti 3 e 4 dell’articolo 1 l’obbligo per i beneficiari di indire entro il termine perentorio del 30 aprile 2014 le procedure  di evidenza pubblica per avviare la fase operativa degli interventi previsti e la rimodulazione dell’elenco entro il 31 maggio 2014 con la redistribuzione delle risorse eventualmente revocate a “ulteriori interventi ammissibili rispetto ai criteri di selezione PoIn- Pac a seguito delle apposite istruttorie tecniche da svolgersi tra MiBact e Regioni”.  Certo non c’è da fare il tifo, in maniera del tutto inopportuna- come nel caso della sottosegretario Francesca Barracciu per Cagliari capitale europea della Cultura nel 2019- per le defezioni altrui, ma da tenersi pronti con progetti presentabili da candidare a finanziamento sicuramente sì.m.agata@luedi.it

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?