Salta al contenuto principale

Centrodestra, Cannizzaro e De Luca
restano ancora in campo

Basilicata

Tempo di lettura: 
3 minuti 6 secondi

POTENZA - Non mutano le posizioni all’interno del centrodestra potentino. La situazione è cristallizata sui due nomi. Quelli di Michele Cannizzaro e Dario De Luca. Gli schieramenti sono chiari. Per l’ex direttore generale del san Carlo ci stanno i big di Forza Italia con in testa il deputato Cosimo Latronico che sta lavorando sui tavoli romani nel tentativo di convincere dirigenti nazionali dei partiti che orbitano intorno al centrodestra ad avallare la candidatura di Michele Cannizaro.

Dall’altro lato ci sono i Fratelli d’Italia - An che avendo svolto delle riunioni nelle scorse settimane e aver individuato nell’ingegnere Dario De Luca non vogliono rinunciare alla propria scelta. Quelli di FdI, il massimo che concedono è la possibilità di aprire un confronto aperto alla Primarie tra il “loro” De Luca e lo stesso Cannizzaro.

Vari sono stati gli appelli in questi giorni da parte degli esponenti del partito di Giorgia Meloni a Cannizzaro ad accettare lo strumento delle Primarie. Ma la questione è un pò più ampia. Le Primarie sembrano non trovare simpatia nei dirigenti di Forza Italia. Cannizzaro centra poco.

In tale contesto pare più un braccio di ferro tra Forza Italia e Fratelli d’Italia che una questione sui nomi. Ad ogni modo la sensazione è che non ci sia più tanto tempo. Più passano i giorni e più le parti si allontanano. Con in più i Fratelli d’Italia guidati dal consigliere regionale Gianni Rosa che ribadisce come tutto il partito da lui rappresentato sia unito e granitico.

In questo contesto non si può escludere che ci possa essere una doppia candidatura o meglio un doppio centrodestra per le comunali di Potenza. Da un lato Fratelli d’Italia  con alleati e dall’altro lato Forza Italia con alleati. Da quanto si è appreso a sostegno di De Luca ci sarebbero già pronte tre liste considerate anche altamente competitive.

Per il resto della coalizione non sono ancora state svelate le posizioni degli altri alleati. Ma ieri sera è stato diffuso un comunicato stampa congiunto da parte dei Popolari per l’Italia (Giuliano e Pace), di Nuovo centrodestra (Taddei), e dell’Udc Mancusi e Mollica) in cui si rende noto di un incontro svolto  dalle stesse forze politiche per fare il punto della situazione.

E i tre partiti non citando mai nella nota nè Cannizzaro e nè De Luca parlano del prossimo appuntamento elettorale come  «occasione favorevole, forse irripetibile per il centrodestra lucano, per uscire dalla cappa del clientelismo e del malgoverno di un centrosinistra che ha prodotto i risultati che sono sotto gli occhi di tutti: la disperazione! La politica deve ritornare ad occuparsi dei cittadini ed essere lo strumento per le loro risposte risolvendo il problema del lavoro, dell’occupazione e della qualità della vita nelle nostre città».

E quindi i dirigenti dei tre partiti del centrodestra chiedono «l’unità di tutto il centrodestra intorno ad un programma comune che proponga politiche di rottura con il passato, di rinnovamento e di partecipazione». In tale logica i Popolari per l’Italia, il Nuovo centrodestra e l’Udc annunciano che «si muoveranno anche all’esterno del centrodestra stesso, senza preclusioni e veti incrociati, per assicurare un’autorevole timoniere alla guida di un programma condiviso e che sia espressione di un’ampia coalizione, scelto con metodo partecipativo, che non esclude pregiudizialmente lo strumento delle primarie, che risponda all’esigenza di un effettivo coinvolgimento e di una legittima aspirazione e rappresentanza».

sal.san.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?