Salta al contenuto principale

Centrodestra in conclave
Si cerca la sintesi su Cannizzaro

Basilicata

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 54 secondi

 

POTENZA - Ore decisive per il centrodestra e per il candidato sindaco della città di Potenza.

La situazione è nota: tutti i partiti tranne Fratelli d’Italia sono convinti che la migliore scelta per la candidatura a sindaco di Potenza sia quella dell’ex direttore generale del San Carlo di Potenza, Michele Cannizzaro.

Il partito di Giorgia Meloni e Gianni Rosa invece continua a sostenere la candidatura dell’ingegnere Dario Luca.

E’ una trattativa che va avanti ormai da un paio di settimane su questi due nomi.

E con queste condizioni date è cominciata nel palazzo della regione (nelle stanze dei consiglieri di centrodestra) ieri sera alle 18 e 30 la riunione che dovrebbe essere definitiva. In un senso o nell’altro.

Una riunione che però è andata per le lunghe. Gli “ottimisti” prevedevano al massimo per le 21 la chiusura dei giochi. E invece alle 23 la riunione era ancora in corso. E dalle indiscrezioni trapelava un clima di incertezza: «Si sta cercando ancora l’accordo».

Insomma potrebbe volerci ancora tempo. Ovviamente Cannizzaro rimane in pole. Su di lui come è noto sono in sintonia Forza Italia (che lo ha proposto), Popolari per l’Italia, Udc, e Nuovo centrodestra e La Destra. Mentre c’è la sola resistenza dei Fratelli d’Italia. Resistenza che evidentemente continua.

Oggi comunque (dopo che la riunione di ieri sera prima o poi sarà finita) dovrebbe essere tutto più chiaro. Ad ogni modo non mancano le indiscrezioni.

Come dell’incontro avvenuto nel fine settimana tra l’ex sindaco di Roma, Gianni Alemanno (che di fatto è il leader della parte di An confluita nel partito della destra con Fratelli d’Italia) e lo stesso Michele Cannizzaro.

Da quanto si è appreso Alemanno pur esprimendo stima nei confronti dell’ex dg del San carlo ha spiegato  che i livelli roman idel partito non possono entrare nelle questioni locali e nelle decisioni che rappresentano la “sovranità territoriale”.

Detto questo però l’impressione è che se le parti avessero voluto strappare lo avrebbero già fatto da giorni. Si cerca l’intesa. E’ ovvio. Resta da vedere come e quando.

sal.san. 

 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?