Salta al contenuto principale

Petrone risponde a Falotico
"Caro Roberto, ci vediamo alle urne"

Basilicata

Tempo di lettura: 
1 minuto 2 secondi

CARO Roberto,

ti ringrazio per l’attestazione di stima che hai voluto tributarmi, nella prima parte della tua lettera, correttamente interpretando  la posizione da me assunta in merito alla necessità o meno delle primarie; posizione dalla quale emerge con chiarezza che non ho alcuna “paura” di sottopormi al confronto (lascerei perdere il “bagno di popolo” che evoca scenari preoccupanti).

Le tue successive considerazioni critiche sembrano, invece, rivolte al PD potentino e agli altri partiti della coalizione che potranno risponderti direttamente.

Considerazioni che, a mio avviso, hai attribuito immeritatamente, essendo i partiti riusciti, in questo caso, a superare le diverse posizioni al loro interno e a ritrovare una larga convergenza sulla indicazione della mia persona, proprio riconoscendole completa estraneità al Palazzo o ad una Casta.

Per quanto mi riguarda, aggiungo soltanto un amichevole appunto: fossi stato in te, avrei evitato il riferimento alla logica del dare e avere ed al “vento di rinnovamento” che non mi pare soffi in tuo favore.

Lasciando da parte il “coraggio”, virtù troppo impegnativa per una competizione elettorale, riformulo, ad entrambi, l’esortazione di affidarci, con fiducia e con rispetto per tutti i nostri concittadini, al responso delle urne.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?