Salta al contenuto principale

Pittella verso le elezioni
"Mi candiderò solo per l'Ue"

Basilicata

Tempo di lettura: 
1 minuto 52 secondi

A POTENZA si è fermato giusto il tempo di incontrare il sindaco Tosi per l’iniziativa voluta dal Movimento Nuova Repubblica. Poi un salto a Maratea per un altro appuntamento istituzionale in agenda per il pomeriggio, prima di un week end che si preannuncia all’insegna degli appuntamenti elettorali. Anche se la presentazione ufficiale delle liste Pd per le Europee è fissata al 16 aprile, Gianni Pittella - che nell’ultimo anno, con la candidatura alla segreteria nazionale del partito, non si è fatto mancare impegni  - è già in piena campagna per il rinnovo del suo mandato (il quarto) al Parlamento Ue. Questa volta con aspirazioni ben più alte: l’eurodeputato sarebbe l’uomo su cui Renzi, che in queste ore sta lavorando per comporre il puzzle delle liste, starebbe puntando per conquistare la presidenza del Parlamento europeo. Ma tra le carte da giocare a disposizione del politico di Lauria, non ci sarebbe solo questo. L’altra partita lo vedrebbe impegnato direttamente sul tavolo della presidenza del gruppo a Strasburgo. Il diretto interessato non nasconde le sue ambizioni: «Si tratta di due incarichi di grandissimo prestigio, assolutamente non scontati, tutti da conquistare, che mi riempiono d’orgoglio».

Chiaramente il primo risultato da portare a casa dovrà essere la deroga all’incandidabilità dopo il terzo mandato. A dare indicazioni in tal senso, è sempre Renzi. Ma l’ultima parola sarà quella della direzione nazionale. La rispsota dovrebbe arrivare mercoledì.

Se la sfida è ancora tutta da giocare, di una cosa Gianni Pittella è certo: «Non c’è motivazione più grande che arriva dal rapporto diretto con gli elettori. Ecco perché condivido le osservazioni critiche di Tosi all’Italicum, pur considerando la riforma elettorale di Renzi un atto coraggioso. Ma sul punto specifico, anche io ho le mie perplessità:  da quando faccio politica non sono mai stato eletto in liste bloccate. Dico di più: non competerei mai in questo modo. Fermo restando - conclude Pittella - che il Parlamento europeo rimane il mio unico orizzonte. Non mi candiderò mai per altre istituzioni». 

marlab

m.labanca@luedi.it

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?