Salta al contenuto principale

Potenza 2014
Il retroscena delle riunioni tra FI e FdI

Basilicata

Tempo di lettura: 
2 minuti 17 secondi

POTENZA - Non c’è nulla da fare, i rapporti tra Forza italia e Fratelli d’Italia non accennano a raffreddarsi. E la dimostrazione sta anche in questa scelta contrapposta: da una parte Cannizzaro, dall’altra De Luca. Tutti e due nel centrodestra e pronti a strappare una parte di elettorato. Ma dietro questo muro ci sono dei retroscena, che ancora una volta raccontano di due partiti con due linee completamente differenti e due modus operandi che non sembrano avere qualche pretesto per una conciliazione. Eppure gli incontri bilaterali tra i due partiti ci sono stati: da una parte Pagliuca e Napoli (Forza Italia), dall’altra Petrullo, Carnevale e Belmonte. «In questi incontri - racconta Gianni Rosa - abbiamo portato avanti la questione delle Primarie. mesi fa non c’erano ancora nomi sui quali discutere». Ma Forza Italia sembra non ne abbia voluto sapere nulla di consultazioni. Una delle ragioni principali sta nella possibilità di ottenere delle votazioni viziate, magari dal Pd stesso. «Per due riunioni - ha continuato Rosa - siamo andati avanti su questa strada. Poi, vista la sostanziale opposizione da parte di Forza Italia alle Primarie, abbiamo lanciato la proposta di una discussione sui nomi. Ed in quel momento abbiamo acquisito la disponibilità ad una candidatura di Dario De Luca». 

Ma nella terza riunione la questione non è sembrata risolta. I forzisti hanno insistito sulla candidatura di Imbesi, Fdi su De Luca. «La questione sembrava finita qui - insiste Rosa - con una riunione che sostanzialmente è stata un nulla di fatto ma a distanza di qualche giorno ho ricevuto la telefonata di Cannizzaro che in sostanza ha dichiarato la sua disponibilità a candidarsi. Io ho risposto semplicemente che come partito avevamo ritenuto opportuno rimanere uniti sulla candidatura di De Luca». E poi l’uscita sui giornali: Cannizzaro candidato con Forza Italia. «In quel caso non c’è stata nessuna riunione, abbiamo appreso tutto quanto dalla stampa». Poi l’ennesimo incontro, mercoledì scorso, con tanto di presenza di Latronico. In questa riunione si è tornati al punto di partenza con una proposta da parte di Fratelli d’Italia: fare le primarie tra Cannizzaro e De Luca, cosa che ai forzisti non è piaciuta per niente. Ed eccoci all’oggi, con un inciso di Gianni Rosa. «Hanno messo in mezzo Cannizzaro in un gioco al massacro». Sarà ma la questione non è finita. Si sta lavorando molto per coagulare attorno al nome dei due candidati del centrodestra e il rischio potrebbe essere l’isolamento per una delle due formazioni politiche. Insomma, la battaglia è ben altro che terminata.

v. p.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?