Salta al contenuto principale

Sanità, sbloccate le assunzioni in Calabria
E riapriranno pronto soccorso nel Cosentino

Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 6 secondi

IL primo a dare l'annuncio su Facebook è il consigliere regionale Fausto Orsomarso (GUARDA): dal ministero è arrivato il via libera e si possono sbloccare alcune delle vertenze legate alla sanità calabrese. In particolare, grazie all'analisi dei conti aggiornati, secondo quanto riferisce il post di Orsomarso si sblocca il "turn over" che impediva di sostituire il personale che andava in pensione. Una misura invocata da più parti che aprirebbe la strada all'assunzione di 380 tra medici e infermieri in tutta la Calabria.

Novità in arrivo anche per i presidi ospedalieri. Il tavolo ministeriale avrebbe infatti autorizzato a riaprire il pronto soccorso in due strutture della provincia di Cosenza: si tratta dell'ospedale di Praia a Mare, sul Tirreno, e di quello di Trebisacce sullo Ionio.

«Nel 2013 abbiamo ottenuto una riduzione della spesa pari a 31 milioni di euro, raggiungendo un totale di 232 milioni di euro in meno dal 2009» ha poi annunciato il presidente della Regione Calabria, Giuseppe Scopelliti, nel corso di una conferenza stampa a Catanzaro. Il nuovo assetto dei conti libererebbe per il bilancio del prossimo anno 43 milioni da investire. Nei giorni scorsi, era già stato anticipato che sulla base della nuova situazione il tavolo ministeriale "Massicci" calabrese ha dato il via libera all'eliminazione per il 2014 delle addizionali Irap e Irpef legate al debito sanitario (LEGGI).

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?