Salta al contenuto principale

Pd: deroghe sì, ma non più di 3
Sui nomi, il Pd prende tempo

Basilicata

Tempo di lettura: 
1 minuto 43 secondi

POTENZA - E sul nodo delle deroghe per la candidabilità dei consiglieri comunali con più di tre mandati alle amministrative di maggio, il Pd prende ancora tempo. Anche dalla riunione tecnica che si è tenuta ieri mattina non è emersa la linea definitiva. O meglio, le indicazioni ci sono, ma la certezza dei nomi no: dei ricandidabili ci saranno, ma non si ancora di chi si tratti. L’orientamento emerso è questo: rinnovamento sulle liste, ma con un margine di autonomia. Due, o al massimo tre consiglieri uscenti dovrebbero poter godere della “grazia”. A patto, però - ci tengono a precisare dal partito - di candidatura ispirate per lo più da spirito di servizio. Insomma, nessuna postazione da rivendicare ad elezione avvenuta.

Sui nomi, dicevamo,  ancora alcuna ufficialità.

Facile immaginare che si tratti anche di una scelta strategica per rinviare eventuali polemiche a tempi più maturi.  Si tratta pur sempre di  questione calda su cui all’interno del Partito potrebbe aprirsi un nuovo fronte di guerra. Del resto, anche la lista del consigliere regionale Polese si è detta a sostegno del candidato sindaco Petrone a patto di un rinnovamento totale su liste e programmi.

Otto sono i consiglieri che hanno ha già svolto tre mandati al Comune di Potenza: Nicola Lovallo, Giuseppe Messina, Teodosio Ciriello, Donato Russo, Donato Coviello, Giuseppe Ginefra, Antonio Pesarini e Federico Pace. Quest’ultimo però, ha già annunciato ufficialmente di aver rinunciato alla sua personale ricandidatura. Oltre all’assessore al Bilancio uscente qualcun altro sta vagliando la possibilità del passo indietro per assecondare le esigenze del partito. Che però sarebbe pronto ad ammettere due, o al massimo tre, eccezioni sulla base della valutazione dei casi individuali e soprattutto sulla valutazione delle convenienze in termine elettorali. Con la precisazione, però, che «chi è stato già protagonista “consumato” della vita amministrativa cittadina, dovrà essere comunque disposto a fare largo agli altri».  

m.labanca@luedi.it

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?