Salta al contenuto principale

Dimissioni di Scopelliti non arrivate in Consiglio
"Giallo" si chiarisce: entro dieci giorni la seduta

Calabria

Tempo di lettura: 
2 minuti 11 secondi

REGGIO CALABRIA - Un giallo in piena regola. Prima l'annuncio che le dimissioni del presidente Giuseppe Scopelliti non erano arrivate a Palazzo Campanella, poi l'annuncio ufficiale che la documentazione era stata regolarmente presentata. Il primo a proporre la mancata consegna delle dimissioni del governatore al Consiglio regionale era stato Agazio Loiero, poi la conferma venuta direttamente dal presidente del Consiglio, Francesco Talarico. In poche ore la replica dell'Ufficio stampa della Giunta regionale, che dichiarava l'avvenuta presentazione delle dimissioni, seguita dalla conferma da parte dello stesso Talarico.
L'ANNUNCIO DI TALARICO - Il presidente del Consiglio regionale aveva dichiarato, nel pomeriggio di mercoledì, che: «Non sono ancora pervenute in Consiglio regionale le dimissioni del presidente Scopelliti benchè siano state già protocollate presso la Segreteria della Giunta regionale».
LEGGI L'ARTICOLO SULLE DIMISSIONI DI SCOPELLITI
«Appena le dimissioni perverranno in Consiglio - ha aggiunto il presidente Talarico - provvederò tempestivamente a riconvocare la Conferenza dei Capigruppo per stabilire, entro dieci giorni, la data della seduta consiliare in cui si dovrà prendere atto, secondo il Regolamento, delle dimissioni del presidente della Giunta. Nella stessa riunione della Conferenza dei Capigruppo, inoltre - ha spiega il presidente Talarico - procederemo quindi a definire, con rigore e puntualità, tempi e modalità per l'approvazione della legge elettorale, dello Statuto in seconda lettura e dell’assestamento di bilancio. Quel che occorre sottolineare è che siamo in presenza, per la prima volta, di due novità assolute: le dimissioni del Presidente della Giunta regionale e l’applicazione delle prescrizioni discendenti dalla legge Severino. Tutto ciò richiede molta cautela nella definizione del corretto percorso da seguire vista la complessità della normativa vigente che si presta di per sè a molteplici interpretazioni».
L'ALLARME DI LOIERO - La questione era stata segnalata anche dall'ex presidente della Regione, Agazio Loiero: «Stupisce che a tutt'oggi in Consiglio regionale - ha detto - non siano state ancora depositate le dimissioni del presidente Scopelliti. Già è anomalo il fatto che siano state annunciate in una conferenza stampa e non nel luogo deputato che è il Consiglio regionale. Stupisce altresì - ha concluso Loiero - che in tempi di tecnologia avanzatissima, si usi ancora lo strumento delle poste tradizionali per inviare corrispondenza così importante.
LA PRECISAZIONE DELL'UFFICIO STAMPA - Nella serata di mercoledì, però, è arrivata la smentita da parte dell’ufficio stampa della Giunta regionale: «Le dimissioni del presidente, Giuseppe Scopelliti - è scritto in una nota - sono già state trasmesse al presidente del Consiglio regionale, Francesco Talarico».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?