Salta al contenuto principale

Liste ricusate: il Tar ammette Sel
e respinge Azione civica

Basilicata

Tempo di lettura: 
1 minuto 16 secondi

POTENZA - E’ di nuovo in corsa la lista di Sinistra ecologia e libertà a sostegno del candidato sindaco, Luigi Petrone. Il Tar ha accolto in pieno il ricorso presentato dai legali di Sel. Niente da fare, invece, per la lista “Azione civica” del candidato sindaco, Dino De Angelis. Il Tar ha rigettato il ricorso presentato, dopo che la Commissione elettorale del Tribunale di Potenza aveva ricusato la lista per un difetto di dichiarazione rispetto all’insussistenza delle cause di incandidabilità. 

La sentenza è arrivata ieri sera. Accolta con delusione dal candidato sindaco De Angelis che chiaramente sperava in un esito diverso. Ma è soprattutto la motivazione principale con la quale il ricorso è stato respinto a lasciare l’amaro in bocca, come spiega il presidente del comitato “13 ottobre”. Secondo i giudici amministrativi, infatti, causa principale della bocciatura del ricorso è la mancata integrazione dei documenti mancanti, che sarebbe stato possibile presentare con la convocazione della commissione elettorale successiva alla ricusazione.  «Ritengo - a commentato a caldo ieri sera De Angeli - che il diritto dovrebbe essere come un padre di famiglia, che dovrebbe consentire la risoluzione di problemi e non la loro complicazione.

Se il presidente della Commissione ci avesse informato di questa possibilità, avremmo sicuramente fatto quanto era nel nostro diritto. Il che avrebbe significato - conclude De Angelis - fare  bene non solo per la lista “Azione civica”, ma per tutta la comunità di Potenza».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?