Salta al contenuto principale

Condannato l'ex assessore Attilio Martorano
Un anno e sei mesi per le spese in consiglio

Basilicata

Tempo di lettura: 
1 minuto 11 secondi

 

L'ex assessore alla sannità, Attilio Martorano, è stato condannato a un anno e sei mesi di reclusione. È la decisione del gup Tiziana Petrocelli rispetto alla richiesta che poche ore fa il pm Basentini aveva fatto nell'ambito del processo Rimborsopoli. 

Martorano, unico tra gli indagati, aveva chiesto il rito abbreviato. 

Sono stati poi rinviati a giudizio quasi tutti gli altri ex consiglieri e consiglieri regionali coinvolti nella vicenda dei rimborsi consiliari percepiti indebitamente. Tra gli imputati ci sono così il governatore Marcello Pittella, il governatore uscente e attuale segretario del Partito Democratico, Vito De Filippo, Michele Napoli (FI), Franco Mollica (Udc), Paolo Casteluccio (FI), Nicola Benedetto (CD). 

Per i consiglieri delel scorsa legislatura Mario Venezia (ex Pdl) e Nicola Pagliuca (FI) è stato disposto lo stralcio. 

Non luogo a procedere, invece, per il solo Vincenzo Santochirico (Pd), ex presidente del consiglio regionale.  

 

Martorano era accusato di falso e peculato per alcune spese, rendicontate a fine giugno del 2011 per i 6 mesi precedenti, che sono state considerate inammissibili. 

In aula i c'erano oggi i suoi legali Fabio Viglione e Domenico Ferrara hanno sostenuto la possibilità di compensare le spese contestate con quelle ammissibili rendicontate nel semestre successivo che non risultano rimborsate in quanto eccedenti rispetto ai 2.650 euro mensili assegnati "per l'esercizio del mandato" a ogni consigliere o assessore regionale (prima della riforma introdotta a dicembre del 2012).

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?