Salta al contenuto principale

La scelta di Azione Civica diventa un caso
"Con nessuno". Ma De Angelis non ci sta

Basilicata

Tempo di lettura: 
1 minuto 18 secondi

 

«Non c'è stata nessuna indicazione sul candidato sindaco da sostenere», dice una nota di Azione Civica. E si ingarbuglia così la vicenda del sostegno assegnato (e poi smentito) al candidato sindaco Roberto Falotico, da parte del gruppo nato dal Movimento 13 Ottobre e che non è più in corsa per le comunali dopo l'esclusione della lista. 

«Azione Civica, costituita dalla gran parte del gruppo dirigente del Comitato 13 Ottobre, da alcune settimane è una associazione formalmente costituita e registrata con atto costitutivo, relativo statuto e Organismo direttivo - spiega una nota - L’esclusione della lista che Azione Civica aveva predisposto per le elezioni comunali di Potenza ha rappresentato uno scippo alla democrazia della nostra città ed ha eliminato l’unica novità politica locale con motivazioni che, con eufemismo, riteniamo discutibili».

Ieri pomeriggio una nota sempre a firma di Azione Civica aveva spiegato come, dopo l'esclusione della lista, il gruppo avesse scelto l'ex assessore regionale come candidato da supportare. Oggi la smentita: «Resta evidente che chiunque assumesse impegni diversi da quelli da sempre enunciati da Azione Civica non ha titolo a rappresentare l’Associazione, né esserne il riferimento per le attività da questa svolta sulla città».

Ma la vicenda non si conclude così. 

L'ex candidato sindaco di Azione Civica, Dino De Angelis ha spiegato sul proprio profilo Facebook che non aveva certo agito in solitudine e che la nota di sostegno a Falotico era stata condivisa con altri nel gruppo. 

 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?