Salta al contenuto principale

#potenza014: sarà di nuovo ballottaggio?

Basilicata

Tempo di lettura: 
1 minuto 55 secondi

Un confronto politico dai toni piuttosto bassi - centrato molto sul rischio dissesto del Comune, il problema più grosso da affrontare, ma non l’unico - prelude ad una domenica elettorale che, per scegliere sindaco e consiglio comunale di Potenza, è quanto mai incerta.

L’incertezza ha avuto un peso anche nella scelta dei comizi, anche finali: rinuncia alla piazza principale della città, troppo grande, e via in piazzette più «raccolte», da riempire facilmente. 

Nessuno sa su quanti veramente può contare. 

Il centrosinistra ha due candidati alla carica di sindaco: Luigi Petrone - il favorito - è stato indicato dal Pd, senza primarie,
ed è sostenuto da otto liste. Teoricamente, potrebbe persino vincere al primo turno: ma proprio le divisioni interne al suo schieramento (sotterranee, non esplicite) potrebbero portarlo al ballottaggio. Con chi? 

Anche nel 2009 il sindaco fu scelto con ballottaggio: Vito Santarsiero tornò a Palazzo di Città per il secondo mandato battendo l'avversario Giuseppe Molinari nel secondo turno. 

Il maggiore «indiziato» è Roberto Falotico, candidato dell’«altro» centrosinistra dopo aver aspirato a guidare lo schieramento unito: lo sostengono quattro liste. 

Anche nel centrodestra di fatto vi sono due candidati a sindaco: Michele Cannizzaro (sostenuto da Forza Italia e da altre due liste) e Dario De Luca (che ha dalla sua parte tre liste, fra le quali quella di Fratelli d’Italia).

Il centrodestra sconta una debolezza «storica» in Basilicata e a Potenza in particolare, ma non è da escludere che uno dei due suoi candidati (più De Luca che Cannizzaro?) possa «costringere» il candidato del Pd al ballottaggio.

Ma lo scenario comunale potrebbe risentire del «vento» che soffia a favore del Movimento cinque stelle, che anche in Basilicata è una realtà politica definita: è questa la freccia più appuntita - insieme ai tanti altri problemi della città - all’arco di Savino Giannizzari, candidato sindaco del movimento fondato da Beppe Grillo. Infine, il sesto candidato sindaco: Giuseppe Di Bello (Liberiamo la Basilicata), con poche possibilità di ottenere un risultato che sarebbe clamoroso.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?