Salta al contenuto principale

I consiglieri mancati
vogliono il riconteggio

Basilicata

Tempo di lettura: 
1 minuto 54 secondi

 

LE schede con voti contestati e non attribuiti a candidati sindaco sono 23. Poco più di duecento le schede bianche. Decisamente di più le schede nulle: 1277, che sono più o meno il 3 per cento dei voti.

Il voto disgiunto è difficile: solo il sindaco, sindaco e consigliere di lista collegata, sindaco e simbolo o consigliere di lista avversaria. Che cosa barrare? Quest’anno, poi, si è aggiunta anche la preferenza di genere. E così si è fatta spazio nell’elettorato un po’ di confusione in più. Ma non è su questo che puntano i candidati che si sono ritrovati fuori dal consiglio comunale ma che credono di avere diritto a un posto in Municipio.

È piuttosto sull’assegnazione delle preferenze e sulla trascrizione dei voti nei verbali che in questi giorni si è aperta una corsa alla correzione.

In tanti hanno chiesto il riconteggio dei voti. In alcuni casi, invece, direttamente gli uffici che hanno seguito le operazioni hanno notato alcuni errori, corretti in corsa. Tutti in attesa di un segno, un conteggio, una svista che potrebbe cambiare il destino della proprio percorso. E magari consegnare un biglietto di ingresso nell’aula di via Nazario Sauro di Palazzo di Città.

Uno dei casi risolti già all’indomani dello spoglio è quello di Alessandra Sagarese, eletta in consiglio comunale nella lista di “Insieme si cambia” a sostegno di Luigi Petrone. In una sezione le erano stati assegnati solo 6 voti, invece dei 16 realmente conquistati. La correzione le ha così dato il vantaggio di preferenze necessario a superare un altro candidato della lista, Vito Mitro, che in un primo momento sembrava avere più voti (e quindi era risultato eletto).

Ancora un caso di richiesta di controllo è quello di Piero Calò della lista Socialisti Uniti: per soli tre voti di distacco rispetto a un altro candidato, Rocco Pergola, non ha avuto il seggio in gioco.

C’è poi una “contesa” tra Movimento Nuova Repubblica e Potenza Condivisa rispetto all’ultimo dei seggi assegnati già al gruppo guidato da Roberto Falotico.

E ancora voci e indicazioni di controlli, riconteggi, segnalazioni in ogni coalizione. Meglio rivedere tutto. Non si sa mai.

sa.lo.

 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?