Salta al contenuto principale

Dario De Luca sindaco
«E’ un miracolo per il cambiamento»

Basilicata

Tempo di lettura: 
2 minuti 7 secondi

POTENZA - «E’ una vittoria della città E’ un miracolo quello che sta accadendo. Il dato è così forte quello che sta emergendo che non ha a che vedere né con le forze politiche né con Dario De Luca. E’ un desiderio di cambiamento forte quello che la città sta avanzando e che ha inteso attribuire questo incarico di cambiamento a me».

Sono state queste le prime parole del candidato Dario De Luca quando la consapevolezza dei dati che continuavano ad arrivare nel suo comitato elettorale è iniziata a sciogliersi negli abbracci di chi lo ha accompagnato in questa avventura.

Il mite ingegnere è il nuovo sindaco di Potenza, il primo di centrodestra, partito sfavorito e trionfatore del ballottaggio.

A sceglierlo sono stati in 16.200, 9mila in più di quelli che lo avevano votato al primo turno. Proprio quanti ne ha persi il suo avversario, l’avvocato Luigi Petrone, a cui non ha perso occasione per porgere la mano già nella lunga serata di ieri.

«La prima cosa che farò è attendere che la commissione elettorale ratifichi questo dato - è stata la sua risposta a chi gli chiedeva da dove intende cominciare - dopodiché incomincerò a stuidiare adeguatamente le problematiche del comune di Potenza soprattutto in relazione al bilancio e studierò un programma che possa essere condiviso in maniera importante e maggioritaria dal consiglio comunale».

Attorno a lui tanti giovani, che hanno intonato a lungo il coro «Vito dacci le chiavi», ma anche anziani e signore commosse per un risultato che pone fine a un governo del centrosinistra nel capoluogo che sembrava imperturbabile.

«I giovani sono stati la caratteristica costante della nostra presenza in questa campagna elettorale». Ha spiegato De Luca. «Se io mi trovo oggi candidato sindaco di Potenza è solo per dare una risposta ai giovani».

A chi lo ha sostenuto l’ingegnere ha rivolto «un grazie di cuore fortissimo». Poi però ha mandato un messaggio anche agli altri rassicurandoli che sarà «il sindaco di tutti i cittadini di Potenza e cercherò di dare un cambiamento positivo per tutti nessuno escluso».

«Evidentemente la nostra proposta è passata. Una proposta semplice di portare questa città a una sana normalità».

Questa è stata la sua spiegazione del trionfo, prima di abbracciare la moglie e la figlia e proseguire i festeggiamenti anche con loro.

l.amato@luedi.it

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?