Salta al contenuto principale

Nuova Giunta a Potenza
Ecco i nomi che circolano

Basilicata

Tempo di lettura: 
2 minuti 3 secondi

 

POTENZA - Una giornata di impegni essenzialmente istituzionali per il neo sindaco De Luca, che ieri, oltre alla scolaresca della Domenico Savio, ha incontrato anche il primo cittadino facente funzione, Pietro Campagna. Per affrontare alcune tematiche più strettamente amministrative, compresa quella economico-finanziaria. Ma nel frattempo è la composizione della nuova Giunta il nodo principale che l’ingegnere dovrà affrontare. Di nomi ufficiali ancora non ce ne sono, De Luca si è limitato a indicare i criteri più generali che dovrebbero essere alla base della sua scelta. Ma la matassa da scogliere non è affatto semplice, perché la composizione della Giunta avrà dirette conseguenze sulla possibilità di governare la città, con i soli 5 consiglieri che il primo cittadino si ritrova dalla propria parte. L’opposizione di centrosinistra, che è di fatto è maggioranza, difficilmente sarebbe disposta a digerire un esecutivo politico, nemmeno nel caso di una squadra mista, a metà fra interni ed esterni. Nel frattempo, però, sono sempre più insistenti le voci che vorrebbero nella squadra di governo del neo primo cittadino Marina Buoncristiano. Ex Udc, oggi coordinatrice regionale di Officina Basilicata - il contenitore politico con qualche mese di vita che raggruppa diverse formazioni e movimenti (Fratelli d’Italia in testa), per rafforzare l'area di centrodestra - è stata una dei protagonisti più attivi nella campagna elettorale di De Luca. Da anni nella Caritas di Potenza, e sempre a sostegno dei più deboli (tema cruciale della campagna dell’ingegnere) potrebbe rispondere bene a quell’identikit di persona «per bene» che De Luca dice di voler arruolare nella sua squadra di governo.

E sempre nel toto giunta, si ricava il suo spazio anche il consigliere di Fratelli d’Italia, Alessandro Galella, che nella conferenza stampa di ieri, in più di qualche occasione ha parlato già da assessore. Un pò per indole, ma probabilmente anche per ispirazione, Galella tira fuori dal cilindro proposte per la città già da quasi amministratore. Come «il ricco cartellone per l’estate», annunciato ieri, tra le prime cose da mettere in cantiere per rilanciare l’accoglienza e la socialità del capoluogo. Insomma, l’ex presidente dell’associazione “Portatori del Santo”, dà più volte l’impressione di volersi ritagliare un ruolo tutt’altro che secondario.

m.labanca@luedi.it

 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?