Salta al contenuto principale

Su Tecnoparco: «T n’aia ‘sci».
Così Mollica fa saltare il numero legale

Basilicata

Tempo di lettura: 
1 minuto 28 secondi

Dalle immagini della ripresa ufficiale dei lavori del Consiglio regionale dello scorso mercoledì, la scena che rende poco onore ai nostri rappresentanti in aula. 

Qualche minuto prima che venisse dichiarata la mancanza del numero legale e la sospensione con rinvio della seduta, si vede il consigliere Franco Mollica - che in quel momento stava presiedendo la seduta - che in pratica fa saltare l’approvazione della mozione presentata qualche minuto prima su Tecnoparco. (GUARDA IL VIDEO QUI A PARTIRE DA 3h e 3')
Prima del voto, preceduto da una breve sospensione, Mollica, mentre i suoi colleghi stanno per rientrare in aula , inizia a fare i conti. Dall’audio del video consultabile al link del sito ufficiale del Consiglio, si sente chiaramente che mente ufficialmente chiede ai consiglieri di tornare in aula, si rivolge alla persona che gli siede a destra: il direttore generale del Consiglio, Luigi Gianfranceschi. 
Prima la conta: tre, due, cinque, poi le parole: «Se non entra più nessuno siamo a posto. E 11, ci siamo». 
«E no - risponde chi gli siede a fianco - deve mancà un altro” “Sì - risponde a Mollica - l’aggia ric’ a qualcuno». 
Poi ancora la conta, ma i conti non tornano: «C’è ancora uno in più» dice Mollica che si rivolge al consigliere che siede all’altro fianco e che sembra essere Mario Polese, dicendogli: «T n’aia ‘sci». E il suo vicino effettivamente si alza e va via. I presenti votano, ma il risultato è scontato: con soli sei votanti, il numero legale di fatto non c’è. 
La seduta è rinviata. 

 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?