Salta al contenuto principale

Nuova giunta, non tutti sono disponibili
Ancora una fumata nera per Dario De Luca

Basilicata

Tempo di lettura: 
3 minuti 27 secondi

 

POTENZA - Il primo passaggio istituzionale che aveva annunciato l’ha consumato ieri mattina, quando il sindaco di Potenza, Dario De Luca ha avuto modo di incontrare in via ufficiale il presidente della Regione, Marcello Pittella. L’ingegnere che ha vinto il ballottaggio lo scorso 8 giugno aveva fortemente voluto un confronto con il governatore sulle tante problematiche della città, in modo da - come ha ribadito più volte lui -mettersi al più presto al lavoro. Ma il nodo dei nodi rimane ancora non scelto: la composizione della giunta comunale. L’ufficializzazione del nuovo esecutivo era attesa per questo fine settimana. E avrebbe dovuto fare il suo debutto nella seduta di consiglio comunale che avrebbe dovuto riunirsi per la prima volta ieri mattina. E, invece, la seduta è stata rinviata, proprio a causa dei ritardi che stanno accompagnando la definizione della squadra di governo. Sei assessori, tutti tecnici e di elevato profilo professionale, come aveva anticipato lo stesso primo cittadino. Che però, evidentemente De Luca fa ancora fatica a cercare. Era stato proprio lui   a prospettare il rischio che tra i nomi individuati ci potessero essere molti no. Difficile prendersi la responsabilità di una città alle prese con tante emergenze, a partire da quelle finanziarie che oggi mettono a rischio, non solo i servizi, ma anche il pagamento degli stipendi dei dipendenti. E le previsioni del nuovo primo cittadino sembrano essersi avverate. Lui avrebbe voluto chiudere molto prima. Presentare la sua squadra subito dopo la proclamazione degli eletti. Ma attualmente De Luca è ancora alle prese con alcuni papabili assessori che hanno preso tempo prima di rispondere alla proposta di assessorato. In particolare, mancherebbe l’ultima conferma.

Molto probabilmente prima di conoscere i nomi dei nuovi amministratori di Potenza, bisognerà attendere l’inizio della prossima settimana.

 Nel frattempo De Luca intesse di quei rapporti con la Regione che - come ha avuto già modo di chiarire - ritiene indispensabili per il rilancio del capoluogo. Nel confronto di ieri mattina con il presidente Pittella, entrambi hanno ribadito la necessità di collaborare in modo stretto. «Avendo di mira soltanto l'interesse dei cittadini e la risoluzione dei problemi». Sindaco e presidente si sono ritrovati d’accordo nel ritenere che l’azione amministrativa debba essere indirizzata prioritariamente soprattutto a coloro che vivono situazioni di particolare disagio.

Tra le questioni affrontate, al primo punto quella delle risorse finanziarie necessarie al funzionamento della città di Potenza. De Luca ha  illustrato le difficoltà in cui verrà a trovarsi il nuovo Consiglio comunale, chiamato ad approvare in tempi stretti il bilancio consuntivo predisposto dalla passata amministrazione e subito dopo di quello di previsione per l’anno in corso. Il presidente Pittella, dal canto suo - come spiega una nota stampa della Regione -  ha ribadito la disponibilità a collaborare per realizzare, anche attraverso le risorse messe a disposizione dalla nuova programmazione comunitaria,  interventi infrastrutturali “che possano consentire di raggiungere l’obiettivo di avere una città avanzatissima nell’ambito dei servizi di eccellenza”. Nel corso del confronto è stato affrontato anche il tema legato al rapporto tra l’Università della Basilicata e la città di Potenza, da un lato, e con la regione, dall'altro.  Pittella e De Luca hanno concordato sulla necessità di incontrare congiuntamente a breve il nuovo rettore dell'ateneo, la professoressa Aurelia Sole. L’incontro di circa un’ora, si è chiuso con  il sindaco De Luca ha lasciato una testimonianza scritta sul libro d'onore della Regione.

Per il primo cittadino sarà un altro week end di lavoro intenso per arrivare alla definizione definitiva della squadra di Governo. Con la pausa di domenica, quando De Luca ha annunciato la sua partecipazione al pellegrinaggio a Ravello, per la visita al santuario del beato Bonaventura. Chissà che alla fine non sarà il frate nato a Potenza a cui è stato dedicato il santuario a fare il miracolo della nuova Giunta.

marlab

m.labanca@luedi.it

 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?