Salta al contenuto principale

Verso il congresso, il dirigente Pd:
«La bestia è sazia? Finiti i clamori etici?»

Basilicata

Tempo di lettura: 
0 minuti 44 secondi

 

POTENZA - Solo qualche mese fa l'indignazione regnava sovrana. RIMBORSOPOLI aveva scosso le coscienze dei lucani. Intellettuali, commentatori, stampa facevano vibrare le coscienze a causa di comportamenti odiosi "da pezzenti".
Oggi nulla! Eppure il congresso del Pd (il piu' grande se non l'unico partito della Basilicata) incombe con il suo carico di contraddizioni, confusione, ridicolo. Luca Braia presenta i suoi 8 punti mobilitando all'insegna: di risposte all'antipolitica; partito comunità contro partito apparato; nuovo, aperto, contenibile innovatore, renziano.
Comprendo il suo imbarazzo nel glissare sulla questione centrale da decenni nel nostro paese il rapporto ETICA - POLITICA, ma gli altri? Gli indignati scuotitori di coscienze perché tacciono? Il problema e' risolto? La "bestia" è sazia del sangue ottenuto? O ,invece, come credo io, molti sono tornati ad una attivita' molto congeniale e praticata: “Dispensare favori sessuali ai potenti di turno?”.

*(Pubblicato su Facebook)

 

 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?