Salta al contenuto principale

Si entra nel vivo del congresso del Pd
Finisce la tregua

Basilicata

Tempo di lettura: 
2 minuti 39 secondi

POTENZA - Non si torna più indietro questo è chiaro. Per il congresso regionale del Partito democratico si fa sul serio.

Ieri però, è stata una giornata “relativamente” tranquilla per quanto riguarda la febbre comunicativa. Dopo le aperture delle rispettive campagne  congressuali di Luongo e di Braia (sabato e lunedì) è stato un martedì nel segno del lavoro nascosto.

E’ chiaro, infatti, che ora i tre candidati sono impegnati nelle operazione di composizione delle liste.

Ciascun aspirante segretario democratico di Basilicata deve mettere sotto il proprio nome altri 100 candidati per la nuova assemblea regionale che verrà composta dopo il prossimo 12 giugno.

Quaranta per la provincia di Matera e sessanta per quella di Potenza.

Si procede con il bilancino. Da quanto si è appreso saranno liste caratterizzate dal rinnovamento.

Tantissimi giovani (donne e uomini) che comporranno le varie liste. Molti saranno gli amministratori locali che verranno schierati a sostegno di ciascun candidato segretario.

E se per Luca Braia e per Antonio Luongo pare esserci solo l’imbarazzo della scelta a scegliere amministratori (visto il parterre di sostenitori che hanno alle spalle) qualche difficoltà in più ci dovrebbe essere per le liste civatiane di Dino Paradiso che di fatto è estraneo all’apparato.

Tranne che per l’aiuto ormai quasi scontato del big Piero Lacorazza che di certo piazzerà nella lista di Paradiso molti dei suoi grandi elettori.

Ad ogni modo i big dovrebbero rimanere fuori dalle liste. Almeno dalle prime indiscrezioni. Ovvio che non mancheranno le novità dell’ultima ora. Magari anche con qualche sorpresa.

C’è comunque ancora qualche altro giorno di tempo. Le liste vanno presentate nella sede del Pd di Basilicata entro il 4 luglio.

Insomma il lavoro di adesione e compilazione degli elenchi sta assorbendo queste ore con una campagna congressuale che ancora non è partita alla massima velocità.

Tanto più che oltre ai tre candidati segretari (Braia ieri si è praticamente limitato a postare foto dell’incontro e articoli di cronaca sui propri contatti social) anche Piero Lacorazza che nelle ultime settimane  è stato febbrilmente impegnato a lanciare idee e provocazione per la riapertura dei termini del congresso e delle candidature alla segreterie ieri ha dovuto segnare il passo.

Ma forse solo perchè impegnato per la quadratura delle nomine del subgoverno regionale in quanto presidente del Consiglio regionale.

Ma era già chiaro che fino alle nomine degli enti (che sono state chiuse nella tarda serata di ieri) le micce sarebbero rimaste spente. Ma da oggi è immaginabile che la corsa partirà senza più freni.

Per le novità c’è solo da segnalare che anche Dino Paradiso ha creato un proprio profilo su Twitter “BasilicataperParadiso”. Di certo c’è che con Marcello Pittella che è davvero sceso in campo al fianco di Luca Braia ci sarà poco da attendere per vedere la febbre congressuale salire di nuovo. E’ solo una questione di ore e poi la sfida sarà vera perchè in ballo c’è molto più di una segreteria di partito.

sal.san.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?