Salta al contenuto principale

Regionali, Magorno si scopre e ufficializza Canale
«Può trovare la sintesi. Lo vuole anche Guerini»

Calabria

Tempo di lettura: 
2 minuti 37 secondi

 

CATANZARO - Prima le voci, poi le prime notizie ufficiose, fino alle dichiarazioni ufficiali. Ernesto Magorno, segretario regionale del Pd, lancia Massimo Canale quale governatore della Regione. Colui che lo aveva contrastato nella corsa alla segreteria regionale, diventa ora il candidato migliore in vista delle elezioni primari del 21 settembre (LEGGI LA DECISIONE DELL'ASSEMBLEA). La «candidatura unitaria» la definisce Magorno, giocando la carta del rinnovamento contro quel Mario Oliverio che continua a tirare diritto, al punto da avere già pronte le firme necessarie per presentarsi alle primarie (LEGGI).

C'è un brutto clima nel Pd, come si evidenzia nei comunicati stampa delle varie correnti, specie dopo l'ipotesi che il duo Magorno e D'Attorre potessero lanciare la volata a Canale (LEGGI). Nella serata di venerdì è stato lo stesso Magorno a ufficializzare la posizione: «Non ci sono alternative, noi democratici calabresi dobbiamo andare alle primarie con un partito compatto e con una candidatura unitaria, chiara, condivisa e condivisibile anche da parte di chi ci chiede un rinnovamento vero e vuole percorrere con noi la via del cambiamento».Questo ha dichiarato in una nota il segretario Magorno, a conferma del tentativo di trovare nuovi equilibri, tenendo conto anche che sono saltate le primarie istituzionali per mancanza di candidature (LEGGI).

E Magorno non parla a titolo personale, ma chiama in causa anche il vice segretario Lorenzo Guerini, in Calabria poche ore prima. «E' mio intento - sostiene Magorno - perseguire con decisione questo obiettivo, nel quale si colloca la proposta, condivisa dal Vicesegretario Nazionale Lorenzo Guerini, di Massimo Canale come candidato capace di operare una sintesi delle diverse sensibilità del partito calabrese, all’insegna dell’unità e della volontà di rinnovamento. Quei punti che sono ritenuti imprescindibili nell’azione futura del partito calabrese, così com'è stato evidenziato anche nel corso dell’assemblea regionale di Lamezia Terme. Come ho detto la strada delle ricerca dell’unità è l’unica che vogliamo, anzi dobbiamo perseguire, per far uscire il partito da questa fase delicata e collocarlo alla guida di una stagione di cambiamento in Calabria».

Ed allora, via allo spot pro Canale: «Massimo Canale - conclude Magorno - incarna le caratteristiche necessarie per aggregare il Pd e le forze che condivideranno il suo percorso, nell’importante sfida elettorale che ci attende. In queste ore, così com'era avvenuto in passato, mi sono ampiamente confrontato con Lorenzo Guerini. Un fatto che smentisce posizioni "pilatesche" del partito nazionale nei confronti della Calabria. Da parte del Pd nazionale vi è, anzi, grande attenzione, pur nel rispetto dell’autonomia del partito regionale. In tal senso posso annunciare che entro la metà del mese l’on. Luca Lotti verrà in Calabria per una iniziativa del Partito Democratico calabrese, alla luce degli importantissimi appuntamenti che lo attendono e nell’obiettivo primario della ricerca della sua unità».

 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?