Salta al contenuto principale

L’atto di accusa di Tantone a Valvano
«Sudditanza psicologica al Pd»

Basilicata

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
3 minuti 19 secondi

AAA, Partito socialista di Basilicata cercasi. All’ombra delle vicende che stanno consumando il Pd lucano, il partito guidato da Livio Valvano sembra sempre più in affanno rispetto all’affermazione  di una propria linea autonoma. E’ il grido di allarme che arriva dal segretario dei giovani socialisti, Raffaele Tantone.  Profondamente preoccupato da tutte le dinamiche che negli ultimi mesi - secondo la sua lettura delle cose - sembrano aver tolto autorevolezza al Psi, indebolendo anche l’azione dei suoi rappresentanti all’interno delle istituzioni.

A partire da quelle che hanno caratterizzato il congresso regionale, celebrato ormai cinque mesi fa, senza che però tutte le procedure siano state ancora ultimate. A febbraio veniva confermato Livio Valvano alla guida del partito, dopo la sintesi in un’unica mozione delle due che erano state presentate. Fatto il segretario, però, la segreteria regionale è ancora in attesa di composizione. Con l’ovvio deficit di rappresentanza interna che ne consegue.

Ma non ci sono sole le vicende intestine a preoccupare il giovane segretario Tantone cha parla con chiarezza di «sudditanza psicologica» nei confronti del Partito democratico lucano. E in particolare accusa il segretario di nutrire una specie di “ansia da prestazione” nei confronti del presidente Pittella. Come se «si dovesse continuare a vivere nello sforzo di conquistare terreno», dopo aver sostenuto il candidato perdente alle primarie per le regionali».

«Alle europee - spiega Tantone - i nostri autorevoli esponenti hanno rinforzato le liste del Pd. Così alle comunali, dove la scelta è stata quella di non presentarci con una nostra lista, ma di fonderci con quella del consigliere regionale Mario Polese. Abbiamo dato il sangue senza ottenere risultati. Se avessimo corso da soli, molto probabilmente avremmo eletto un nostro rappresentante nel consiglio comunale di Potenza. Mi chiedo oggi se ci salutiamo ancora con Polese o meno. Non siamo riusciti a esprimere un nostro giudizio autonomo rispetto alla composizione della Giunta comunale. Semplicemente abbiamo subito quello che è successo, in silenzio».

Anche rispetto alle ultime nomine regionali, il Psi «non è riuscito ad avere un suo peso specifico». Insomma, quello socialista, più che un partito, sembra sempre più una stampella di una parte del Pd lucano. Nelle istituzioni questa mancanza di identità politica  «ha reso i nostri rappresentanti più deboli». Come nel caso del consigliere regionale Pietrantuono «che non ha trovato nel suo partito il sostegno necessario per far venir fuori le sue posizioni». Su punti programmatici che erano quelli portati avanti dai socialisti. Alcuni dei quali, tra l’altro, «sono finiti nell’agenda politica del governatore».

Dalla riforma della governance con l’unificazione di Acquedotto lucano e Società energetica lucana. Passando dall’Unione dei comuni e dalle proposte per il nuovo Statuto regionale, «che avrebbero evitato alcuni obbrobri che invece non sono spariti dai primi articoli approvati. Per continuare con la posizione assunta con la riforma degli enti agricoli, «mentre gli agricoltori sono in ritardo con i pagamenti Agea di circa un anno». Così come non è stato dato il giusto seguito all’iniziativa promossa proprio dai giovani socialisti per l’attuazione della Garanzia giovani.

Lo sfogo di Tantone arriva fino a Matera: dove l’assenza di una linea di partito unitaria «ha consentito che i nostri due consiglieri La Macchia e De Palo di esprimere due voti diversi all’approvazione del bilancio».

Un partito, quindi, che sconta una mancata definizione interna e che da tempo non riesce a far sentire la propria voce autonoma e autorevole. E che continua a scontare le dinamiche di partito che si si giocano a casa degli altri. Ed è per questo che Tantone, come prima cosa, chiede con forza la convocazione della direzione regionale per eleggere la segreteria.

m.labanca@luedi.it

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?