Salta al contenuto principale

Primarie Pd
Un seggio in ballo tra Braia e Luongo

Basilicata

Tempo di lettura: 
2 minuti 17 secondi

POTENZA - Sarebbero tre le sollecitazioni presentate da Dino Paradiso trasferite alla Commissione regionale per il Congresso per altrettanti presunti casi non regolari che sarebbero avvenuti sabato scorso in tre seggi comunali  del Pd.

Lo si apprende dai canali ufficiale del Partito democratico di Basilicata. C’è riservo sui casi. Di certo uno dei tre casi riguarda  quanto avvenuto nella sezione elettorale di Campomaggiore. Il seggio infatti è rimasto aperto solo tre ore: dalle 8 fino alle 11 di mattina. L’entourage di Paradiso aveva annunciato ricorso già nelle stesse ore in cui si stava ancora votando. Si sostiene che con il seggio aperto (i responsabili si sono recati al matrimonio dei vicesindaco del paese) aperto “arbitrariamente” solo per tre ore il dato sia stato falsato.

Da quanto emerge tutti e 68 i voti scrutinati a Campomaggiore con le 35 preferenze di Braia, le 28 di Luongo e le 5 di Paradiso stesso potrebbero essere annullate. Ma sono voci non confermate. Ad ogni modo le operazioni di controllo continuano.

Ieri nella sede del Pd regionale comunque attendevano i risultati dei controlli delle due Commissioni provinciali. Poi inizia il lavoro della Commissione regionale che raccolti tutti i verbali e fatti i riconteggi dovrebbe analizzare tutti i casi scottanti. Dalle previsione per mercoledì sera dovrebbero arrivare i risultati certificati con anche l’assegnazione dei posti nell’assemblea.

Come è noto sono cento i posti da assegnare per completare il massimo organismo elettivo del Partito democratico di Basilicata. E rimane qualche interrogativo ancora sul metodo che verrà utilizzato per l’assegnazione dei delegati. Ma a quanto pare, stando ai regolamenti, non dovrebbe essere utilizzato il metodo d’Hondt e cioè quel sistema matematico  per l'attribuzione dei seggi nei sistemi elettorali che utilizzano il metodo proporzionale. In metodo d’Hont per farla semplice è quello che prevede con dei calcoli particolari l’assegnazione dei seggi attraverso il calcolo dei resti. Secondo questo metodo la divisione dei delegati in base ai risultati ottenuti su scala regionale (Braia 42,69, Luongo 40,65 e Paradiso 16, 66) avrebbe determinato questo scenario: a Braia 43, a Luongo 41 e a Paradiso 16. Ovviamente senza i dati ufficiali sono calcoli approssimativi: con il metodo d’Hont bastano pochi voti annullati a ciascuna lista per vedere cambiare il risultato. Ma da quanto pare, rispetto ai regolamenti, il metodo da utilizzare sarebbe quelle decimale. In tal caso, sempre dalle fonti, pare che si potrebbe determinare questo scenario: Braia 42 delegati, Luongo 41 e Paradiso 17. In questa maniera i due “sfidanti” principali sarebbero divisi da un solo delegato. Ma per l’ufficialità, prima di scatenare eventuali ricorsi c’è da attendere la certificazione degli eletti prevista per domani sera.

sal.san. 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?