Salta al contenuto principale

L'Europa dalla A alla Z
Politiche, azioni, opportunità

Basilicata

Tempo di lettura: 
3 minuti 12 secondi

 

In tutte le puntate di questa rubrica sto facendo emergere le opportunità che l’Europa offre ai suoi cittadini e la O va abbinata senza dubbio a questo sostantivo. Le opportunità sono molteplici e differenziate in tutti i settori, ma uno dei principali obbiettivi è quello di favorire l’occupazione. L’UE mira a creare posti di lavoro nuovi e più qualificati necessari per una società dinamica e basata sulla conoscenza. Servono, dunque, investimenti nell’istruzione, nella scienza e nelle politiche del lavoro, per superare la crisi economica e non farsi trovare impreparati dal futuro che è alle porte, anzi è già qui. La responsabilità delle politiche in materia di occupazione, affari sociali e integrazione sono condivise tra l’Unione ed i governi nazionali; in particolare, da Bruxelles, coordinano e controllano le politiche nazionali, promuovono la condivisione delle migliori pratiche in settori come l’occupazione, la povertà, l’emarginazione e le pensioni, adottano disposizioni legislative e ne controllano l’applicazione in settori quali i diritti dei lavoratori e il coordinamento dei regimi di sicurezza sociale. In linea con la strategia Europa 2020 per la crescita, la strategia europea per l’occupazione promuove interventi per creare posti di lavoro, stimolare e riequilibrare i mercati del lavoro, controllare le politiche del lavoro insieme ai paesi dell’UE. Le misure che stanno mettendo in campo sono varie: dalla garanzia giovani, al pacchetto occupazione, fino alle varie iniziative della strategia Europa 2020 che sono pensate a tutela dei cittadini. Per ottenere maggiori informazioni, basta cercare sulle pagine internet delle istituzioni o rivolgersi ad europe direct, la rete europea vicina ai cittadini al numero verde 80067891011. Venendo all’attualità, provo a dare un punto di vista sul consiglio europeo che si è riunito la scorsa settimana, con un sostanziale nulla di fatto. L’obiettivo era quello di trovare un’intesa sulle nomine, ma chi auspicava una definizione immediata delle caselle forse peccava di eccessivo ottimismo o di poca conoscenza della politica. Focalizzando l’attenzione sull’Italia, potremmo parlare di un mancato successo, visto che il presidente Renzi pareva determinato a far affidare alla Mogherini il ruolo di Alto rappresentante per la politica estera; ruolo-chiave, oggi ricoperto da Catherine Ashton, che potrebbe far sentire maggiormente la propria voce. Niente da fare, il nostro Ministro degli esteri non ha riscosso piena fiducia: alcuni rilevano che non ha molta esperienza, mentre altri rimarcano un’eccessiva amicizia con Putin ed il mondo russo in generale. Durante i lavori si è anche fatto il nome di Enrico Letta per presiedere il Consiglio europeo, ma pare che la soluzione (di prestigio) non fosse gradita al nostro premier e quindi è tutto rimandato al 30 agosto, almeno. L’hastag del consiglio europeo, molto usato e seguito durante i lavori dello scorso 16 luglio, è #EUCO mentre di seguito completo l’elenco delle sigle identificative delle varie formazioni del consiglio, che ho iniziato la scorsa settimana. Il consiglio competitività è identificabile con #COMPET, riunisce i ministri dell’industria e della ricerca e punta a stimolare la crescita e la competitività macroeconomica. #TTE è il consiglio trasporti, telecomunicazioni ed energia ed ha l’obiettivo di creare infrastrutture moderne ed efficienti. Il consiglio agricoltura e pesca, #AGRI, serve a coordinare la politica agricola comune, la protezione alimentare, lo sviluppo rurale e la gestione della pesca. #ENVI è il consiglio ambiente e lavora per la protezione, la tutela ed il miglioramento della qualità dell’aria. #EYCS è il consiglio giovani, cultura e sport; serve a fornire un quadro di cooperazione tra gli Stati membri per lo scambio di informazioni ed esperienze nei campi di sua competenza: sono i settori su cui bisogna puntare per costruire l’Europa di domani.

 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?