Salta al contenuto principale

Segreteria Psi composta da Valvano
tra malumori e abbandoni eccellenti

Basilicata

Tempo di lettura: 
2 minuti 10 secondi

POTENZA - Clima infuocato nel Psi di Basilicata. Nonostante il segretario regionale, Livio Valvano minimizzi lo scontro, «esecutivo eletto con 2 voti contrari» i socialisti di Basilicata sono ai ferri corti.

Non è una novità per il Psi: è nel dna dei socialisti il confronto duro all’interno degli organismi di partito. Ma negli ultimi mesi qualcosa sta covando in Basilicata e le fibrillazioni iniziano a uscire all’sterno. Non c’è dubbio.

L’espulsione avallata dalla Commissione di garanzia nazionale  (su decisione di quello regionale) di storici “compagni” quali Rocco Vita, Franco Adamo, Donato Cutro, Antonio Annale, Felice Scarano e pasquale D’Auria era stato un campanello d’allarme.

Poi gli altri casi. L’ultimo episodio è quello accaduto martedì sera quando è stato riunito il Direttivo regionale del Psi per comporre la segreteria regionale. Un organismo “vacante” ormai da 5 mesi visto che il congresso regionale vinto per la seconda volta consecutiva da Livio Valvano è stato celebrato a febbraio scorso.

E finalmente martedì la riunione per comporre la segreteria c’è stata. Ma con maretta finale. Tanto che  la quadra del segretario regionale è stata composta ma con l’uscita dalla stanza dove si stava svolgendo la riunione di alcuni dirigenti anche di primo piano. In contrapposizione dialettica si sono posti anche lo stesso Valvano e la portavoce nazionale del Psi Maria Cristina Pisani. 

E alla fine secondo quanto appreso hanno votato solo 12 socialisti su un Direttivo composto invece da 53 componenti con due contrari. Meno di un quarto. E i 12 voti sono comunque inferiori al numero dei membri della nuova segreteria che è stata composta da 15 tesserati più 5 di diritto.

E ha votato contro addirittura il segretario provinciale del Psi del Potentino, Franco Simone. Non uno qualsiasi. La situazione è incandescente tanto che già nelle prossime ore è annunciata una azione di protesta da parte di coloro che non hanno una condiviso le ultime scelte del segretario regionale Livio Valvano.

Ad ogni modo sarà richiesta una nuova convocazione del Direttivo per portare la questione sui tavoli ufficiali. Perchè al netto delle rassicurazioni di rito le sfide intestine sono tante e i malpancisti sono numerosi. Come l’ex assessore regionale Innocenzo Loguercio che non ha ancora digerito di non essere stato riconfermato alla guida dell’Ater di Matera nell’ultima tornata di nomine alla Regioni di qualche settimana fa. Scontenti sono senz’altro i giovani socialisti. Ma gli “scontenti” crescono. 

s.santoro@luedi.it

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?