Salta al contenuto principale

Speranza: «Finora le primarie sono state un disastro»
Il sindaco di Lamezia lamenta forti discriminazioni

Calabria

Tempo di lettura: 
3 minuti 29 secondi

CATANZARO - La scadenza del 21 settembre, data di svolgimento delle Primarie del centrosinistra, è ancora lontano ma il clima appare infuocato fin dal principio (LEGGI). A gettare ulteriore benzina sul fuoco ci penza il sindaco di Lamezia Terme nonché candidato proprio alle primarie per Sel, Gianni Speranza che rileva come «i primi giorni delle primarie sono state un disastro. Prima Carbone (Pd) poi Lotti (Pd) e ieri, addirittura il Presidente del Consiglio, Renzi, hanno fatto dichiarazioni che, in Calabria, sono state riportate come un diktat che impedirebbe la mia partecipazione alle primarie». 

 
Una vera e propria denuncia quella di Speranza, che corre assieme a Gianluca Callipo e Mario Oliverio (LEGGI LE SCHEDE DEI TRE CANDIDATI) che aggiunge come «addirittura si scrive che 'mi devo mettere l’anima in pace', come se fossi candidato a qualche posticino, perché il partito al quale sono iscritto fa ostruzionismo in Senato. Quindi la mia candidatura nel migliore dei casi è tollerata. In Calabria si fa la gara a chi la spara più grossa. E’ circolato, come se fosse 'la tavola di Mosé', un sondaggio sulla popolarità di alcuni candidati del Pd. Un sondaggio non so da chi commissionato e pagato e mai pubblicato sul sito della Presidenza del Consiglio come previsto per legge. Poi si è scoperto che era inaffidabile e sbagliato. Si era stabilito che le firme a presentazione delle candidature per le primarie fossero da 3000 a 4000 massimo, Oliverio, prima, ha sparato il numero di 20.000 firme raccolte; Callipo, naturalmente, il giorno dopo, ha sparato più grosso: 25.000». 
La stessa denominazione delle primarie non è spesso corretta secondo Speranza che che afferma che «i dirigenti del Pd fanno eco, la Rai e gli organi di stampa parlano quasi sempre di primarie del Pd e non del centro sinistra, di duello come se i candidati fossero solo due. Nei primi giorni della prossima settimana terrò una conferenza stampa soprattutto per ragionare sul fatto che, ancora, non è stata fissata la data delle elezioni regionali. Giunta e Consiglio regionali continuano come se nulla fosse, come se non fossero stati sciolti e si preparano ad una nuova infornata di nomine».  
 
E mentre Speranza lamenta disfunzioni più o meno gravi nella macchina delle Primarie del centrosinistra, Mario Oliverio, anch'egli candidato, rilancia sulle priorità «nella mission del futuro governo della Regione: agire per sostenere e contribuire a costruire il futuro delle nuove generazioni. E' questo il punto su cui chiedo la fiducia di tutti e su cui intendo stipulare un vero e proprio 'Patto con i calabresi'. Se sarò eletto Presidente della Regione su questa scommessa impegnerò tutte le mie energie». 
 
Per Oliverio «alla politica non ho da chiedere nulla, se non la possibilità di continuare a mettere a disposizione la mia storia e la mia esperienza umana, politica ed istituzionale per promuovere azioni, idee e progetti a favore dei nostri ragazzi e delle nostre ragazze, che sono la vera ricchezza di questa nostra terra» e annuncia «un incontro con i giovani che si terrà domani, sabato 2 agosto, alle 11, nel lido «Le B club» di Gizzeria Lido sul tema: "La prospettiva di vita e di lavoro dei giovani nel tempo dell’Erasmus in una Calabria a dimensione europea"».
 
Infine, Gianluca Callipo, da parte sua terrà domani, sabato 2 agosto, a Lamezia, nella sede regionale del Pd, un incontro con i Comitati calabresi a sostegno della sua candidatura. «Non si tratta di una riunione formalmente convocata - ha detto Callipo - ma di un’iniziativa spontanea affidata al passaparola sui social network e animata dal desiderio di cominciare a lavorare insieme alla campagna elettorale per le primarie. Sono molto felice di questa iniziativa, che conferma l'entusiasmo delle tantissime persone che vogliono partecipare attivamente a questa avventura e non vedono l’ora di mettersi in moto per cambiare la Calabria. Sarà un momento di grande emozione, una sferzata di energia positiva che darà a tutti noi la carica per affrontare al meglio questa campagna elettorale»

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?