Salta al contenuto principale

Ora basta campanilismi
Viva la nostra meravigliosa Lucania

Basilicata

Tempo di lettura: 
2 minuti 6 secondi

TERMINA una settimana di dibattito su campanilismo, feste e talk show.

1) Cari amici materani, Alessandro Galella ha fatto solo una battuta. Di cattivo gusto? Certamente si. Ma ora voler crocifiggere qualcuno per una battuta di cattivo gusto, o pensare che da Alessandro dipendano le sorti di Matera, sportive e non, mi sembra davvero una forzatura. Non ha avuto rispetto del Ruolo istituzionale? Sono d'accordo anche su questo. Ma vi ricordo che molti rappresentati istituzionale fanno assai peggio di una battuta di cattivo gusto, a cominciare dalla costituzione di comitati di affari sporchi, alle dichiarazioni a favore del terrorismo islamico, e tutta questa indignazione io non la sento. Quindi dico solo, e spero di chiudere qui la faccenda, viva Matera, viva Potenza, viva la nostra meravigliosa Lucania.

2) non siamo nel modo più assoluto contrari alle sagre o alle feste di paese in senso assoluto. Scriveva ieri la mia amica Antonella Antares che vedere i nostri paesi in festa è meraviglioso e io mi associo al suo parere. Ma questa regione, come dicono in tanti, va riscritta. Ed allora bisogna decidere che Basilicata vogliamo; io voglio una Basilicata che abbia una meta. Mutuando Paride Leporace, voglio che la Basilicata diventi la nostra Itaca. Spendere 5 milioni di euro per 306 eventi è  uno spreco. Sono sicuro che  sarebbe stato più utile concentrarli per la promozione dei prodotti realmente caratterizzanti il nostro territorio (aglianico del Vulture, fagioli di sarconi,peperoni di Senise,olive di Ferrandina, pane di Matera, formaggi di Filiano e Moliterno ecc ecc) e non per contribuire al gioco della morra o a manifestazioni musicale del tutto insignificanti.

3) mi hanno colpito due risposte che  il presidente Pittella ha dato durante il suo personale talk show; la prima è che nonostante le risorse che abbiamo la Basilicata è fanalino di coda; la seconda è che con Luongo va d'accordo, ma la vede in modo diverso.

Avrei voluto rispondergli che è fanalino di coda perché le tante risorse che abbiamo sono state utilizzate male  da  chi finora ha governato male questa regione e cioè dal suo centrosinistra. Forse l'ha dimenticato.

In quanto al futuro, se il presidente la vede in modo diverso dal segretario regionale del partito regione, credo sia difficile per loro fare sintesi e porre fine alla guerra tra bande rivali del PD e pensare solo alla Basilicata. Se il presidente ama guardare l'alba e Luongo il tramonto è impossibile andare nello stesso posto. Io invece vorrei andare ad Itaca.

#buongiornobasilicata

* dirigente nazionale Fratelli d'Italia Alleanza Nazionale

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?