Salta al contenuto principale

Il sindaco manda a dire:
il mandato non è poltrona eterna

Basilicata

Tempo di lettura: 
1 minuto 40 secondi

IL centrosinistra di Potenza per adesso non si muove e resta fermo sulla posizione ufficializzata nelle ore precedenti: il sindaco De Luca azzeri la giunta e poi la coalizione guidata dal Pd comincerà a dialogare con l’amministrazione sostenuta da un pezzo di centrodestra. Non tutto il centrodestra, per ora, solo quello vicino a De Luca. Il centrodestra della coalizione di Michele Cannizzaro, infatti, al momento chiede «chiarezza sulle posizioni». E in questo scenario ballerino, Pd e alleati possono contare sulla maggioranza assoluta dei voti in aula.

Il sindaco ha chiesto di tentare la strada delle larghe intese, convincendo tutti a un’accelerazione su una soluzione alla precarietà dello status quo. In altre parole, serve un’alternativa all’ingovernabilità.

Il centrosinistra sta cercando di definire una posizione unica con cui arrivare al tavolo delle trattative. In queste ore, il primo cittadino è impegnato su fronti più operativi, mense, trasporto scolastico su tutte. Per gli incontri bisognerà attendere ancora un po’. Nel frattempo De Luca continua a spiegare, in modo più o meno esplicito, che in ogni caso non accetterà posizioni ballerine.

L’occasione del consiglio comunale sull’ipotesi di soppressione della Corte d’Appello di Potenza è stata l’ocacsione per ribadire fermezza. «Perdere la Corte d’Appello farebbe diventare Potenza un paesino e la Basilicata una regione marginale, pronta a essere accorpata». Per questo «ben vengano gli inviti al ragionare, ma dobbiamo essere pronti a gesti clamorosi, penso a una dimissione di massa di noi consiglieri comunali». La minaccia di De Luca spiega ancora una volta la posizione del primo cittadino rispetto al ruolo istituzionale: è un compito assegnato, non una poltrona - ha detto più volte - si mantiene finchè si può portare avanti il mandato ricevuto. L’anatra zoppa a Potenza non consente di governare la città. L’agonia, proprio no.

sa.lo.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?