Salta al contenuto principale

Potenza, ancora in fase preliminare le trattative
C’è da superare l’anatra zoppa con l’ipotesi larghe intese

Basilicata

Tempo di lettura: 
1 minuto 58 secondi

POTENZA - L’incontro che il centrosinistra ha convocato ieri non sarà quello definitivo, prima che una delegazione possa davvero incontrare De Luca e mettere sul tavolo un pacchetto di temi. Anche perché la coalizione, che ruota attorno al Pd e che ha la maggioranza dei voti in aula, attende innanzitutto che il sindaco di Potenza convochi ufficialmente un nuovo appuntamento per intavolare la trattativa. Sul tavolo della politica potentina c’è la pratica dell’anatra zoppa, maggioranza al centrosinistra e sindaco sostenuto dal centrodestra, praticamente l’ingovernabilità.

Dario De Luca a due mesi dall’insediamento ha deciso di lanciare un appello definitivo agli avversari, richiamando alla responsabilità collettiva e rendendosi disponibile alle larghe intese. Secondo il centrosinistra la soluzione è un esecutivo di natura tecnica, unica opzione adeguata a reggere una conflittualità politica e convergere su un pacchetto di proposte programmatiche chiare per la città, condivise da tutte le forze politiche. De Luca, però, potrebbe contro-proporre una nuova giunta con carattere politico, per stabilire un criterio di responsabilità condivisa su tutto l’arco consiliare.

Oggi il Pd sarà alle prese con la direzione cittadina - in programma questo pomeriggio - da cui potrebbe arrivare qualche indicazione più precisa rispetto al comportamento da tenere. E da condividere con gli alleati.

Proprio le sigle minori, convocate dal capogruppo del Pd e segretario cittadino uscente Giampiero Iudicello, ieri hanno chiesto maggiore chiarezza. Sia il Pd, insomma, a spiegare meglio che cosa ha intenzione di fare e proponga una linea agli alleati.

All’Hotel Vittoria del capoluogo, dovrebbe definirsi la linea generale. Non cambierà la posizione di partenza rispetto alle condizioni per intavolare il dialogo con il sindaco:  azzerare la giunta.

In direzione si intrecceranno, però, anche questioni tutte interne al partito. A partire dal congresso cittadino, sulla cui data da troppo tempo militanti e iscritti attendono indicazione.

Impossibile, dunque, che l’avvio del dialogo con De Luca possa concretizzarsi nelle prossime ore. C’è anche  un’altra scadenza che tiene impegnati democratici e alleati, almeno fino all’inizio della prossima settimana. Tra domenica e lunedì saranno depositate le liste con le candidature per l’elezione della nuova assemblea della Provincia di Potenza. Poi, occhi puntati sul Municipio.

s.lorusso@luedi.it

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?