Salta al contenuto principale

Vibo, domenica di voto per le elezioni provinciali
Sfida a tre condita da polemiche e inciuci

Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 45 secondi

VIBO VALENTIA - Tutto pronto a Vibo Valentia per l'elezione del presidente della Provincia e del  Consiglio provinciale. Si tratta della prima chiamata alle urne dopo la riforma dell'Ente intermedio. Al voto, attraverso il meccanismo ponderato, andranno gli amministratori locali, chiamati a scegliere tra tre candidati presidenti (LEGGI LE LISTE IN CORSA). 

Si tratta di Giuseppe Raffaele, sostenuto da Udc e Ncd; Andrea Niglia e Sergio Rizzo. In questi ultimi due casi non è possibile ricostruire gli accordi elettorali, dal momento che si tratta di spezzoni del centrosinistra e del centrodestra, con il Pd che si è diviso tra renziani e non. D'altronde, è stato lo stesso vicesegretario nazionale dei democratici, Lorenzo Guerini, a comunicare ai contendenti che nessuno avrebbe potuto utilizzare ufficialmente il simbolo del partito (LEGGI), proprio per gli accordi trasversali che hanno caratterizzato la composizione delle liste (LEGGI)

Quello vibonese resta, dunque, il fronte più rovente per il centrosinistra. Tra i motivi di tensioni c'è anche la posizione di Salvatore Vallone, ex consigliere comunale di Mileto e dichiarato incandidabile per mafia con sentenza che la Prefettura ritiene definitiva tanto da aver ordinato al presidente del Consiglio comunale di Mileto di surrogare il consigliere Vallone. Surroga avvenuta stamane. 

Vallone, esponente del Partito democratico, resterà candidato a consigliere provinciale nelle elezioni provinciali di domenica prossima ma non potrà partecipare al voto e nel caso risultasse eletto dovrà essere sostituito nel Consiglio provinciale di Vibo Valentia con il primo dei non eletti della sua lista. 

Lo scrutinio dei voti e la proclamazione degli eletti si terranno tra lunedì 29 e martedì 30 settembre. I presidenti di Provincia eletti dopo la riforma una volta proclamati saranno immediatamente insediati, mentre i Consigli si insedieranno a seguito della convocazione che viene effettuata nuovo presidente di Provincia per il Consiglio provinciale. 

Il 12 ottobre toccherà alle province di Catanzaro, Cosenza e Crotone eleggere i propri rappresentanti, anche qui non senza polemiche e divisioni in entrambi gli schieramenti (LEGGI LO SPECIALE CON I NOMI DI TUTTI I CANDIDATI).

 

 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?