Salta al contenuto principale

Provinciali, tutti i risultati in Calabria: ecco i nomi
di presidenti e consiglieri a Cosenza, Catanzaro e Crotone

Calabria

Tempo di lettura: 
4 minuti 28 secondi

TRE province calabresi su cinque hanno rinnovato il loro consiglio nelle elezioni del 12 ottobre, dopo che Vibo Valentia aveva già eletto presidente Andrea Niglia il 28 settembre (LEGGI) e in attesa che Reggio assuma il nuovo status di città metropolitana.

Si è votato secondo la riforma Delrio che ha previsto elettorato attivo e passivo solo per i consiglieri comunali e i sindaci di ciascun territorio. Il meccanismo di voto ha previsto una media pesata in modo diverso tra le preferenze dei rappresentanti delle cinque fasce che vanno dalla A alla E: nella prima figurano i comuni più piccoli, nell'ultima quelli più grandi.

COSENZA, IL TRIONFO DI OCCHIUTO SU MANNA - A Cosenza il voto ha incoronato presidente della Provinca il sindaco della città capoluogo, Mario Occhiuto. Secondo posto per Marcello Manna, da poco eletto sindaco di Rende e candidato sostenuto dalla famiglia Gentile in un contesto di frattura all'interno della coalizione di centrodestra. Solo terzo il candidato di centrosinistra, il sindaco socialista di Cassano Gianni Papasso. Il dato sull'affluenza, nella provincia bruzia, ha registrato al voto 1.557 aventi diritto, pari all'88%.

Il dato finale è di 35.687 punti (ricavati moltiplicando il voto per il coefficiente legato alla dimensione del  comune rappresentato dall'elettore) per Occhiuto pari al 39,81%, seguito da Manna che ha conquistato 30.728 punti con il 34,28%; chiude Papasso con 23.232 punti e il 25,91%.

Sette in tutto le liste di candidati consiglieri: Laboratorio civico; Insieme per la provincia; Nuova provincia; Patti fra comuni; Provincia democratica; Calabria futura; Italia del meridione Calabria.

LA SCHEDA: I NOMI DI TUTTI I CANDIDATI NELLE LISTE DI COSENZA

Per la composizione del consilio, lo scrutinio è slittato a lunedì mattina, dopo che alle 20 di domenica si è rischiato il congelamento anche per lo spoglio della corsa alla presidenza, a causa dell'istanza di un presidente di seggio per ragioni di salute (LEGGI). L'intervento del prefetto ha poi imposto di procedere subito. Alla fine, i 16 consiglieri eletti, secondo dati che non sono stati ufficializzati, sono: Francesco Giuseppe Bruno e Lino Di Nardo (Lista Calabria Futura); Guido Serra e Nicola Tenuta (Nuova Provincia); Pietro Lucisano, Pasquale Lamboglia, Gioacchino Campolo e Lucantonio Nicoletti (Patto tra Comuni); Franco Pascarelli (Insieme per la Provincia); Gianfranco Ramunco (Italia del Meridione); Graziano Di Natale, Francesco Iacucci, Ferdinando Nociti, Pino Capalbo, Giuseppe Rizzo (Provincia Democratica); Aldo Figliuzzi (Laboratorio civico).

CATANZARO, IL PRESIDENTE E' BRUNO - Enzo Bruno è invece il nuovo presidente della Provincia di Catanzaro, un dato che fa infuriare il centrodestra dove la tensione sfocia nella rissa tra il sindaco di Catanzaro Abramo e l'ex assessore Lomonaco (LEGGI). Si è imposto nei piccoli comuni (quelli della fascia A), con 199 voti su Procopio (117) e Brutto (113). Anche nei comuni di fascia B Bruno avanti con 103 voti, sui 68 di Brutto e i 22 di Procopio. Nella fascia C si afferma Brutto (30 voti), con Bruno e Procopio appaiati a 26. Il successo definitivo di Bruno si concretizza nei due centri di fascia E (Catanzaro e Lamezia): con 27 voti, davanti ai 20 di Brutto e ai 14 di Procopio.

GUARDA IL VIDEO: BRUNO SI COMMUOVE DOPO L'ELEZIONE

Bruno, segretario provinciale del Pd, ha ottenuto il 41% dei voti ponderati, seguito da Tommaso Brutto, consigliere comunale di Catanzaro, per il centrodestra, che si è fermato al 30% e da Leonardo Procopio, sindaco di Montauro, a capo di una lista di amministratori indipendenti, che ha ottenuto il 19,7%. Per quanto riguarda la composizione del Consiglio, il centrodestra conquista la maggioranza. Per la lista di Tommaso Brutto, infatti, sono stati eletti Marziale Battaglia, consigliere provinciale uscente; Antonio Montuoro, Marcellinara; Marco Polimeni, Catanzaro; Francesco Ruberto, Lamezia Terme; Francesco De Biase, Lamezia Terme.

Per la lista del neo presidente eletti Riccardo Bruno, consigliere comunale di Borgia; Giuseppe Celi, consigliere a Catanzaro; Davide Zicchinella, sindaco di Sellia, e Vittorio Paola, consigliere comunale di Lamezia. Infine, tre i seggi per la lista di Procopio: Francesco Mauro, sindaco di Sellia Marina; Giovanni Costanzo, sindaco di Falerna; Giovanni De Vito, sindaco di Jacurso.

L'affluenza è stata di 795 votanti su 851, corrispondenti a una percentuale dell'88%. 

LA SCHEDA: I NOMI DI TUTTI I CANDIDATI NELLE LISTE DI CATANZARO

CROTONE, I NUMERI DI VALLONE - Come a Cosenza, diventa presidente della Provincia il sindaco della città capoluogo anche a Crotone. Le percentuali (a meno di due schede contestate ma ininfulenti sull'esito complessivo) dicono che Peppino Vallone ha ottenuto un voto ponderato pari a 49.050,700 punti con il 48,6%. Siciliani invece ha ottenuto un voto  pari a 47.660,669 punti con il 46,6%. A votare sono stati  317 aventi diritto su 327, per una percentuale altissima: 96,9%. 

Vallone ha vinto per due voti nella fascia E (17 a 15, ma con una scheda contestata), che comprende il solo Comune di Crotone. Nella fascia D si è imposto Siciliani (31 a 18), nella fascia C ancora Vallone (32 a 30). più largo il successo del sindaco di Crotone nelle fasce dei piccoli comuni: 28 a 10 nella B, 77 a 51 nella A.

LA SCHEDA: I NOMI DI TUTTI I CANDIDATI NELLE LISTE DI CROTONE

Per quanto riguarda le liste, sono 28 i candidati consiglieri spalmati su 4 stemmi. E questa è la composizione del Consiglio: Elezioni provinciali di Crotone. Questi i consiglieri eletti:  per il Pd Amedeo Nicolazzi, Sergio Iritale, Antonio Scigliano, Giuseppe Candigliota, Francesco Pellegrini, Franco Parise; Armando Foresta, "Per una nuova Provincia"; Luigi Arabia detto Tommaso e Cataldo Maltese per la lista "Provincia"; Maurizio Piscitelli per "Crotone prima di tutto".

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?