Salta al contenuto principale

Altri venti giorni
per evitare il dissesto

Basilicata

Tempo di lettura: 
1 minuto 41 secondi

POTENZA - Lunedì prossimo, il commissario ad acta Vincenzo Greco, consegnerà la sua relazione sulla situazione finanziaria di Potenza, al prefetto Rosaria Cicala. Dopo di che, quest’ultima, diffiderà l’amministrazione comunale a sciogliere i nodi entro 20 giorni. Poi non ci sarà altra possibilità: sarà o dissesto, o approvazione del bilancio di previsione. La riserva sulla strada da seguire nelle prossime ore, è stata sciolta ieri. Nel frattempo, è stato convocato un consiglio comunale urgente per lo stesso giorno, alle 15 e 30. Unico oggetto all’ordine del giorno, la relazione dell’organo di revisione economico finanziario del Comune. I successivi 20 giorni, dunque, saranno quelli fondamentali per capire se ci sia ancora la possibilità di salvare il capoluogo dal dissesto. Tutto rimane legato alla verifica della possibilità di finanziamento assicurato dalla Regione. Viale Verrastro ha dato la propria disponbilità a trasferire alle casse comunali ben 50 milioni di euro in dieci anni. Ma il passaggio non è affatto lineare. E i dubbi sono molti. Lì dove le verifiche che si continuano a fare in queste ore dovesse risultare positive, sarebbe comunque necessaria l’approvazione di una specifica legge in Consiglio. Una lotta contro il tempo.
E non è detto che il risultato sia proprio a portata di mano.
Nel frattempo, è stato molto duro il giudizio della sezione controllo della Corte dei Conti sul bilancio del Comune del 2012. E il giorno dopo il consigliere Rosa attacca: «Allegra gestione? Totale dispregio del denaro pubblico e dell’etica».
Ed emette la sua sentenza. Politica, chiaramente. «Il centrosinistra, che governato la Città di Potenza negli ultimi venti anni, ha dissestato le casse comunali disponendo dei soldi pubblici come se fossero i propri.
Questo è il quadro che emerge dalle conclusioni dei due organi terzi che hanno valutato i conti comunali.
Dalle loro elaborazioni si comprende come è potuto accadere che i bilanci fossero chiusi sempre in pareggio».

marlab

m.labanca@luedi.it

 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?