Salta al contenuto principale

Renzi in Calabria, confermata la visita del premier: «Nessun timore per le possibili contestazioni»

Calabria

Tempo di lettura: 
2 minuti 11 secondi

Nessuna «fuga dalla Calabria», secondo Palazzo Chigi. L’impegno preso da Matteo Renzi lo scorso agosto di recarsi in visita in alcune città del Sud, come Napoli e Reggio Calabria, sarà rispettato dopo il viaggio in Australia del premier. La data precisa la annuncia Ernesto Magorno: arriverà il 21 novembre. Il premier era atteso per il 7 novembre, ma la data non ha trovato conferme e la Cgil era subito insorta: «Scappa perché non ha risposte».

Nessuna preoccupazione, replicano invece fonti della presidenza del Consiglio, per possibili contestazioni tanto è vero che nei prossimi giorni Renzi, come ha fatto lunedì a Brescia, sarà in Lombardia e in Liguria in diversi stabilimenti industriali. Anzi, nel corso della direzione nazionale del partito che si è tenuta in serata a Roma, Renzi, chiedendo un applauso per il neosindaco Giuseppe Falcomatà, ha pure aggiunto che l'assemblea nazionale del partito, in programma per il 13 dicembre, si terrà proprio a Reggio Calabria come «segno d'attenzione per le problematiche del territorio».

L'AUTUNNO CALDO DEI SINDACATI CALABRESI - La conferma del viaggio in Calabria arriva proprio nel giorno in cui i precari calabresi sono tornati in strada paralizzando per ore strade e ferrovie. Una mattinata di rivolta, sospesa per l'annuncio, dato durante un incontro in prefettura a Catanzaro, di un vertice convocato a Roma per il 12 novembre con il sottosegretario Delrio.

LEGGI: LA PROTESTA CHE HA PARALIZZATO LA REGIONE

La manifestazione è stata organizzata da Cisl e Uil. Un altro fronte dell'autunno caldo della Calabria è invece quello aperto dalla Cgil, che ha lanciato l'allarme Gioia Tauro, annunciando una protesta martedì 7 novembre e preparando una mobilitazione generale (LEGGI).

I PRECEDENTI: GLI 80 EURO DI REGGIO - A promettere una nuova visita al Sud per il mese di novembre era stato lo stesso Matteo Renzi, nel corso del viaggio che il 14 agosto lo aveva portato tra l'altro a Reggio Calabria.

GUARDA IL VIDEO: "QUI IL 14 AGOSTO PER LA LEGGE DI MURPHY"

Anche in quell'occasione l'accoglienza non era stata trionfale, tanto che l'auto del presidente del Consiglio si era sganciata dal corteo e l'ospite illustre era dovuto entrare dalla porta di servizio della prefettura per evitare le contestazioni, causando la reazione di precari e disoccupati che urlavano all'entourage presidenziale:  «Vergogna, conigli». 

LEGGI: LA CONTESTAZIONE DEI MANIFESTANTI

Quello era il terzo viaggio di Renzi in Calabria nella veste di premier. Il primo fu a Scalea (LEGGI), mentre il secondo, anch'esso a Reggio, si era caratterizzato per una curiosa protesta: tra la folla erano state distribuite banconote da 80 euro (GUARDA)

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?