Salta al contenuto principale

Nomine e Giunta
2015: si riparte da qui

Basilicata

Tempo di lettura: 
2 minuti 43 secondi

POTENZA - Archiviato il 2014, con tanto di bilancio di un anno difficile, ma sostanzialmente «positivo», il presidente Pittella passa ai propositi per il 2015 con un sostanziale appello a un impegno «condiviso» e «unitario», ognuno per le proprie responsabilità, per il bene della regione.
E nei tradizionali auguri di fine anno rivolti a tutti i lucani che il governatore ha affidato a un post su facebook nella sera della vigilia, torna a insistere sul tasto della fiducia e dell’ottimismo. «Speriamo, come sempre, in un anno nuovo migliore di quello precedente. È possibile, ma dobbiamo ricominciare a crederci tutti assieme, con l'impegno e la passione che ciascuno di noi può e deve dedicare a questa nostra meravigliosa regione. Non basterà, diversamente, l'impegno di uno o di pochi. Sarà un anno fantastico se lo vorremo».
Con l’appello conclusivo rivolto a tutti «a continuare, o ricominciare, a fidarvi di me». Il riferimento sembra essere alla massiccia mobilitazione sulle questioni del petrolio che negli ultimi mesi hanno fatto “tremare” il Palazzo.
«Dietro la quale si sono nascoste anche molte strumentalizzazioni», ha detto il governatore nella conferenza stampa di fine anno. Ma certo, le contestazioni hanno avuto una certa portata.
Con la fine dell’anno l’animata discussione sulle estrazioni è tutt’altro che conclusa.
Ma l’appuntamento più importante che attende i consiglieri dopo la lunga pausa festiva - i lavori tra i banchi riprenderanno il 7 gennaio - è la discussione della legge di Stabilità che il presidente Pittella ha illustrato nell’ultima seduta di Consiglio. Si tratterà quasi sicuramente di un tour de force, visto che l’approvazione definitiva dovrà arrivare necessariamente entro il 10.
L’agenda della politica regionale nei primi giorni dell’anno - come annunciato dallo stesso Pittella - dovrebbe prevedere anche l’appuntamento con le nuove nomine dei direttori generali delle aziende sanitarie.
L’ufficializzazione dei nuovi manager potrebbe arrivare per metà mese, subito dopo l’approvazione della manovra finanziaria. Ma sicuramente prima di quel rimpasto di Giunta che ormai sembra quasi sempre più certo e inevitabile. «Non che questi assessori non abbiano lavorato bene», ha detto chiaramente Pittella nell’ultima conferenza stampa, difendendo ed elogiando il lavoro della sua squadra. «Che ha potuto vantare soprattutto - ha voluto aggiungere - un prestigio nazionale che ha consentito alla Basilicata di essere ascoltata e rispettata». «Il nostro auspicio è di continuare a lavorare sempre così». Ma le questioni della politica incombono. «E io sono anche un uomo di partito e di coalizione», ha detto ancora Pittella che sa di dover andare incontro al cambio di passo richiesto da Pd. E ha precisato lui - in particolare degli eletti che giustamente chiedono l’apertura di un nuovo percorso.
«Ascolterò, valuterò. E poi si deciderà sul da farsi».
Sempre che non si trasformi dell’ennesimo difficilissimo parto a cui il Pd lucano ci ha ormai abituato, la Giunta Pittella bis potrebbe vedere la luce già per fine mese.

m.labanca@luedi.it

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?