Salta al contenuto principale

Regione, resistenze sul ruolo unico del personale
E Ciconte spegne le polemiche: «Non ho chiesto nulla»

Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 51 secondi

 

 

CATANZARO – L'insediamento del consiglio regionale apre le danze al vecchio cliché alla Regione: proteste per mancati pagamenti; richieste di improbabili stabilizzazioni del programma stage 2008; dopo 35 anni allo spolvero di battaglie consunte e campanilistiche che appartengono agli albori della Regione. 

E mentre il presidente Mario Oliverio sta mettendo mano ai primi atti, il consigliere regionale Vincenzo Ciconte ha rilasciato un’intervista al “Quotidiano” per spiegare come è andata l’elezione del presidente del Consiglio regionale, con la scelta di Antonio Scalzo (LEGGI).

LEGGI LE FRIZIONI NEL PD DOPO IL VOTO IN AULA

Ciconte aveva espresso sin da subito le proprie perplessità. «La mia unica preoccupazione – ha affermato nell’intervista - era quella di non mandare un messaggio negativo all’opinione pubblica. Nel corso della seduta consiliare, pur mantenendo ferme le mie valutazioni, ho votato secondo le indicazioni del mio gruppo. Relativamente alla composizione dell’intero ufficio di presidenza del Consiglio regionale il segretario del mio partito on. Ernesto Magorno, ha già chiarito le modalità seguite».

Intanto, Oliverio ha replicato alle perplessità sollevate ad esempio sul ruolo unico della burocrazia regionale e l'unificazione del bilancio della giunta e consiglio regionale (LEGGI IL PROGETTO DI OLIVERIO). Il provvedimento è stato già approvato dal consiglio con i voti anche di Ncd. Ora si tratta di procedere con l'iter. Negli anni Palazzo Campanella è stato gestito in modo autonomo, poco trasparente e con assunzioni e gestione assolutamente irregolari con una spesa che è arrivata a 77 milioni di euro. 

LE FOTO DELLA PRIMA SEDUTA CONSILIARE

Oliverio è tornato sulla riforma evidenziando che «l’istituzione del ruolo unico regionale è un atto di riforma necessario se si vuole una macchina organizzativa efficiente e produttiva. Dobbiamo costruire una Regione amica ed al servizio del cittadino e non una Regione ripiegata su se stessa in difesa di sacche di privilegi e parassitismo».

L’INTERVISTA COMPLETA A CICONTE E GLI APPROFONDIMENTI SULLA SITUAZIONE DELLA REGIONE SULL’EDIZIONE CARTACEA DI OGGI DEL QUOTIDIANO CON GLI ARTICOLI A FIRMA DI ADRIANO MOLLO E BRUNO GEMELLI. L’EDIZIONE DEL GIORNALE E’ ACQUISTABILE ANCHE ON LINE

 

 

 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?