Salta al contenuto principale

Tallini e la "riformicchia" dello Statuto regionale
«Una legge pensata solo per tutelare i loro interessi»

Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 27 secondi

REGGIO CALABRIA - «La riforma dello Statuto? E' una riformicchia». Pollice verso dal consigliere regionale di Forza Italia, Domenico Tallini, sul progetto in corso di cambiamento dello statuto regionale. Per Tallini la chiave di lettura è univoca: «Oliverio, Adamo e Gentile stanno cercando solo di consolidare il loro patto e la loro strategia di potere - dice Tallini - secondo la tecnica dell'uomo solo al comando che si sceglie "tutti gli uomini del Presidente" e fa una pernacchia ai consiglieri regionali».

«Si tratta - prosegue Tallini - di un pacchetto legislativo che, se fosse stato solo ipotizzato dal centrodestra, avrebbe fatto insorgere la Calabria "democratica". Il progetto di riforma incide sugli articoli 33 e 35 dello Statuto e, con l'incredibile condivisione dei consiglieri reggini del centrosinistra, sull'articolo 23, che espressamente riguarda l'autonomia funzionale, contabile e organizzativa del Consiglio. L'invenzione del consigliere delegato, finalizzata a dare un contentino ai consiglieri regionali di un’Aula che palesemente s'intende svuotare di ruolo e di funzioni, non soltanto si fa una beffa della figura del Sottosegretario, criticabile quanto si vuole ma perlomeno aveva un chiaro profilo istituzionale, ma viola lo Statuto e la Costituzione».

«L'Assemblea legislativa, infatti - sostiene ancora Tallini - ha poteri legislativi e di controllo sull'Esecutivo, ma se un consigliere regionale è coinvolto direttamente nella gestione, seppure sotto la rigida supervisione del Presidente, è evidente anche alle pietre che controllore e controllato coinciderebbero. Con tutto ciò che ne discende. Si aggiunga lo svilimento delle prerogative del Consiglio regionale, attraverso la modifica dell’articolo 23 che immediatamente lo pone alle direttive del Presidente, e il risultato sarà quello di trasformarlo in un’Aula sorda e grigia … o, nella migliore delle ipotesi, trasversale».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?