Salta al contenuto principale

Dagli ex consiglieri
mai nessuna proposta

Basilicata

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 19 secondi

CARO direttore,
dispiace che una persona di qualità e di cultura come Anna Maria Riviello affronti la questione come se alle obiezioni da lei proposte non avessi risposto.
Ripeto, quindi, per l’ennesima volta che la proposta di legge è conseguente all'indirizzo assunto dalla Conferenza dei presidenti delle Assemblee legislative, che, a differenza di quanto osserva con una evidente caduta di stile di Nicola Savino, sono stati regolarmente eletti e il giudizio sul loro operato spetta agli elettori.
Aggiungo che non si tratta della prima e dell’unica scelta della Conferenza dei presidenti in direzione del contenimento dei costi delle istituzioni regionali, cosa che pure dovrebbe essere piuttosto nota.
Altre decisioni, negli ultimi due anni hanno riguardato innanzitutto il taglio dei costi relativi ai consiglieri regionali: riduzioni delle indennità, abolizione del vitalizio, abolizione dell'indennità di fine mandato. E a queste decisioni in Basilicata abbiamo aggiunto altre scelte.
Non ho mai inseguito, quindi, posizioni demagogiche e populistiche, anche per questo la proposta di legge avanzata in Basilicata assume caratteristiche diverse sia per modalità che, almeno nelle intenzioni, per finalità.
Tuttavia a fronte di questo contributo, circa 120 mila euro ogni anno per cinque anni, non sono mancate le interlocuzioni informali e formali. Nonostante questo dagli ex consiglieri non è arrivata nessuna proposta e solo oggi si annuncia di proporre un contributo volontario di solidarietà.
Ovviamente ogni proposta è ben accetta e sarà valutata dai consiglieri regionali, sia nel merito che nel metodo, nell'auspicio che segua la traccia indicata dalla Conferenza dei presidenti delle Assemblee legislative regionali.

 

 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?