Salta al contenuto principale

«Non pensate al passato ma al futuro della Calabria»
Bando per l'edilizia sociale, interrogato Scopelliti

Calabria

Tempo di lettura: 
1 minuto 18 secondi

CATANZARO - Sono in corso in Procura, a Catanzaro, gli interrogatori dei componenti della Giunta regionale guidata dall’ex Presidente, Giuseppe Scopelliti, indagati nell’ambito dell’inchiesta relativa all’annullamento del bando regionale sull'edilizia sociale calabrese pubblicato nel 2008.

Davanti al sostituto procuratore di Catanzaro titolare delle indagini, Domenico Guarascio, il primo ad essere stato ascoltato è stato l'ex governatore calabrese, Scopelliti, accompagnato dal proprio difensore, l’avvocato Aldo Labate. Scopelliti ha risposto alle domande che gli sono state poste. Quando è uscito hai giornalisti presenti ha rilasciato solo questa dichiarazione: «Non pensate al passato, pensate al futuro della Calabria».

 

Ad essere ascoltata è adesso Antonella Stasi, invitata a comparire in qualità di vice presidente della Regione Calabria, che è affiancata dall’avvocato Francesco Laratta. Da ultimo, il pm ha in programma di sentire anche l’ex assessore Giacomo Mancini, mentre slitta ad altra data l’interrogatorio dell’ex assessore Pietro Aiello.

Concorso in abuso d’ufficio l’ipotesi d’accusa contestata loro ed anche ai colleghi Francesco Pugliano, Francescantonio Stillitani, Domenico Tallini, Mario Caligiuri, Stefano Antonio Caridi, Fabrizio Capua e Michele Trematerra, nell’ambito delle indagini avviate dalla Procura catanzarese dopo l’esposto presentato da una delle società interessate dai bandi dell’edilizia sociale che ha chiesto di verificare perchè il provvedimento pubblicato dalla Regione Calabria nel 2008 per l’accesso ai finanziamenti per gli interventi di edilizia sociale fu sospeso e poi sostituito con uno nuovo.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?