Salta al contenuto principale

L'INTERVENTO
«A Santarsiero tacere non farebbe male»

Basilicata

Tempo di lettura: 
1 minuto 23 secondi

Cara Lucia,
sul comune di Potenza tutti dicono, e fanno, sciocchezze (incluso il povero Sindaco De Luca). Tutti parlano a sproposito. Tutti, tranne uno: Vito Santarsiero.Non che l'ex Sindaco non abbia le sue ragioni, ci mancherebbe, ma ogni tanto tacere non gli farebbe male, visto che non ha lasciato in eredità il paradiso terrestre. Proporrei una soluzione salvifica: abolire consiglio e giunta comunale, maggioranza e opposizione, e offrirgli su un piatto d'argento il ruolo di podestà honoris causa, visto che è l'unico che può e sa parlare con cognizione di causa di Potenza. Tutti gli altri, infatti, dicono solo sciocchezze, e parlano a sproposito (oppure sono incapaci). A parte i paradossi, non farebbe male a certi politici un po’ di umiltà e di sobrietà, soprattutto quando i loro disastri sono stati premiati dai partiti e da migliaia di cittadini con importanti avanzamenti di “carriera” (e dunque senza pagare un prezzo). Santarsiero dica la sua ogni volta che ne sente la necessità, ma accetti senza arroganza l'opinione di chi lo ritiene, in un modo o nell'altro, co-responsabile del crack di Potenza (che è reale, oggettivo, tangibile). Altrimenti ci suggerisca esplicitamente una volta e per sempre cosa dobbiamo pensare e dire sul suo conto. Se potesse acquietare il suo narcisismo ossessivo e burocratico, saremmo finanche disposti ad affermare che Vito Santarsiero è stato un grande Sindaco, e che ci ha lasciato in eredità una città limpida, solida, coesa, coi conti in ordine e con magnifiche prospettive per il futuro. Insomma, ci dica egli stesso cosa pensare. A noi che siamo ignoranti, rozzi e parliamo sempre a sproposito.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?