Salta al contenuto principale

Pd. L’area renziana detta condizioni
Primarie e azzeramento del comitato cittadino

Basilicata

Tempo di lettura: 
3 minuti 17 secondi

MATERA - «Un percorso che mostri le debolezze attuali del Partito Democratico, cerchi la strada dell'unità e sottolinei le criticità di cinque anni di amministrazione comunale , punti sul rinnovamento di cui l'area renziana si è fatta portatore anche a livello nazionale». E' questa di fatto la base di ragionamento contenuta in un documento che l'area renziana al completo della città di Matera presenterà nelle prossime ore al segretario regionale del Partito Democratico Antonio Luongo, un documento che ribadisce alcune priorità già elencate nel corso dei giorni scorsi e che sottolinea la strada da intraprendere. «A rischio c'è proprio la tenuta complessiva del partito - viene ribadito in questi giorni sottolineando l'importanza e l'inderogabilità di alcune di queste proposte. Stando alle indiscrezioni raccolte, questo documento non dovrebbe avere defezioni ma confermare la compattezza che l'area renziana aveva già mostrato nell'ultima riunione tenuta proprio a Matera qualche settimana fa. Questa posizione oltre che al segretario regionale verrà ovviamente comunicata anche al presidente della Regione Marcello Pittella in qualità di esponente di punta all'interno dell'area renziana lucana.
Il documento ribadirà anche la necessità di una soluzione immediata della fase congressuale con la definizione degli organismi di partito e la rimodulazione della giunta regionale, aspetti però che i renziani continuano a ritenere a sé stanti nell'ambito di quello che è stato l'ultimo congresso regionale del Partito Democratico e da non collegare quindi con la città di Matera.
Il punto di partenza del ragionamento che verrà impostato, sarà l'insoddisfazione di una parte della città nei confronti dell'Amministrazione e la necessità di aprire un confronto che “per essere vero” dovrà prevedere, questa la richiesta, l'azzeramento immediato del comitato cittadino del Pd affinchè si tenga conto dell’urgenza di un «Riequilibrio complessivo delle responsabilità di governo nel partito che consideri l’effettiva forza delle componenti interne al Pd». Scampoli di una discussione a più voci che ha trovato questa sintesi.
Il punto di arrivo di questo percorso dovranno essere, secondo i renziani, le primarie per la scelta di un candidato sindaco che rientri nell'ambito di questo rinnovamento complessivo. Nel mezzo ci sono una serie di questioni che vanno dal rinnovamento degli organi dirigenti a quello del gruppo consiliare, a quello dell'intero centrosinistra e fino alla scelta di un presidente della Fondazione che abbia compiti ben precisi e che sia sostanzialmente persona diversa dal sindaco che non può assommare a sé una serie di responsabilità. Ma le richieste vanno anche nella direzione di definire un percorso di scelte della squadra che dovrà governare la città con il sindaco, una squadra da scegliere in via preventiva in modo che ci possa essere un percorso condiviso anche nel corso della consiliatura.
I renziani considerano questi aspetti come un’indispensabile premessa per la realizzazione di un’intesa che porti a scegliere unitariamente un candidato sindaco, la sua squadra e il progetto da sottoporre al consenso popolare nel segno “del rinnovamento e dell’apertura di una nuova stagione per Matera verso il 2020”.
Il documento assume importanza in quanto di fatto ribadisce una serie di divergenze e di criticità che sono già state espresse in passate e rilancia anche al di là di quello che è il semplice aspetto elettorale le scelte politiche interne al Partito Democratico da fare nella città di Matera. un Pd arrivato oramai ad un bivio pericoloso. La sottolineatura che vi è a margine del documento riguarda il rischio, già evocato a sorpresa negli ultimi giorni, di una tenuta complessiva del Partito a Matera. Il momento all'interno del Pd diventa sul serio delicato e nevralgico. Sbrogliare questa matassa è un compito che toccherà direttamente ad Antonio Luongo ma sembra sempre più complicato.

p.quarto@luedi.it

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?