Salta al contenuto principale

Pronto il manifesto del Comitato 2020
Oggi sarà varato il programma

Basilicata

Tempo di lettura: 
2 minuti 29 secondi

MATERA - Un manifesto programmatico che contenga i punti fondamentali dell’impegno che i cinque candidati sindaci del Comitato Matera 2020 metteranno in campo da qui alle prossime settimane.
E’ il progetto che sta per prendere forma proprio in queste ore varando un documento programmatico che accompagnerà il lavoro delle prossime settimane. Sia di campagna elettorale per le primarie sia poi di elezioni vere e proprie.
Un lavoro che, in base alle indiscrezioni soprattutto di ordine metodologico che sono arrivate, non sarà fatto analiticamente punto per punto e questione per questione ma riguarderà sostanzialmente un impegno ad ampio raggio che coinvolgerà complessivamente il futuro della città e le sue priorità.
Un programma strategico, complessiva, una visione generale ed ampia di quella che dovrà essere la città nel suo complesso e non slegata nei suoi singoli aspetti. Per collegare il centro e la periferia, con progetti ad hoc per le diverse realtà ed un trait d’union comune.
Un lavoro che viene messo a punto e che nella giornata di oggi dovrebbe essere definitivamente completato all’interno del Comitato.
Matera proverà a darà un messaggio, questo un altro degli elementi che vengono fuori, di condivisione e soprattutto di partecipazione che provi a tenere dentro, impegnata verso il raggiungimento degli obiettivi gravosi che ci sono davanti l’intera città.
Servirà poi anche un lavoro di assiduo confronto con i vertici nazionali per sottoporre in maniera attenta e continuata tutte le diverse necessità di cui Matera avrà bisogno per poter svolgere al meglio i propri compiti.
E’ chiaro che si parla di un lavoro fatto nella città ed al suo esterno che il Comitato 2020 delineerà nel dettaglio e che sarà una base di discussione condivisa da tutti quanti coloro che si sono candidati per le primarie cioè Raffaello De Ruggieri, Venanzia Rizzi, Mariarita Iaculli, Massimiliano Amenta e Antonio Serravezza.
Quanto poi alle diverse eventualità politiche che ci sono davanti in questo momento e che lasciano addirittura prefigurare un sostegno di pezzi del centrosinistra a candidati come Raffaello De Ruggieri del Comitato 2020 ed allora è facile sapere che «la scelta non deve essere di pezzi di partiti, deve essere una scelta libera che dovrà essere fatta complessivamente e singolarmente dalla città».
E’ questa la risposta che chiude a ragionamenti strategici, politici e partitici ma che lascia magari aperte le porte a singole realtà che dovessero decidere di sostenere il Comitato o suoi esponenti di punta.
Una partita dunque ancora molto aperta sotto questo profilo anche se il Comitato 2020 non guarda altrove ma pensa al proprio campo e lavora dunque per mettere a punto le basi di discussioni e di programma, quello che è stato definito un vero e proprio manifesto di impegni che dovranno dettare il percorso e gli obiettivi da raggiungere per i prossimi cinque anni di attività.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?