Salta al contenuto principale

Si presentano i 5 stelle per il Comune
«L’ambiente è una priorità»

Basilicata

Tempo di lettura: 
3 minuti 0 secondi

MATERA - “Rispetto per tutti, paura di nessuno”. E' Antonio Materdomini a rispondere ad una domanda su presenze inquietanti nel corso della campagna elettorale in corso.

La presentazione della lista del Movimento 5 Stelle e dei candidati alle comunali, è stata l'occasione ieri per illustrare i punti cardine del programma che vede in Antonio Materdomini il candidato sindaco di Matera. “La nostra – ha spiegato - è una lista che viene da lontano, un gruppo che lavora sul territorio dal 2007 e che nel 2010 per pochi voti sfiorò il consiglio comunale”

Anche a Matera tornano i punti forti del programma dei Cinque Stelle, a cominciare dalla rinuncia del finanziamento pubblico ai partiti. “I nostri parlamentari hanno messo a disposizione quelle somme per le piccole imprese” -. ha aggiunto Materdomini.

Una squadra composta da professionisti e semplici cittadini, che va da 24 a 72 anni, quella che correrà insieme a lui per raggiungere gli scranni del consiglio comunale.

La giunta immaginata da Materdomini e dai Cinque Stelle, in tutto al massimo sei componenti, prevede un assessorato all'Ambiente molto forte. I componenti dell'esecutivo verranno scelti, come da metodo consolidato, attraverso candidature proposte pubblicamente e scelte attraverso un meccanismo che verrà illustrato nei prossimi giorni.

“Il nostro – ha aggiunto Materdomini – sarà un movimento caratterizzato dalla coerenza, al contrario altri. Penso al programma di Salvatore Adduce che prevedeva tra l'altro l'eliminazione della discarica e delle auto dai Sassi, progetti mai realizzati”. Guardia alta anche su temi come l'urbanistica. “Matera è stata vittima di cementificazione e speculazione per troppo tempo. Con i cittadini vogliamo discutere del futuro di questa città, così come sta accadendo in tutta Italia con il tour sul microcredito”. E sull agestione dei rifiuti, faro di rifrimento è come sempre il meccanismo dei rifiuti zero. “A Treviso – prosegue Materdomini – il sistema è stato applicato con un incremento dei posti di lavoro e una riduzione della produzione di rifiuti”.

Condivisione nel senso più diretto del termine anche per Matera 2019.

“Per il futuro della città non servono idee calate dall'altro, ma condivise con la comunità – la stessa che verrà coinvolta il tutto il percorso elettorale”.

La presenza di altre liste vicine ai Cinque Stelle (Gli Amici del Meet up di Beppe Grillo hanno presentato una lista, ndr.). È un problema? “L'unica lista certificata – spiega Materdomini – è la nostra”.
La corsa alla carica di sindaco conferma il percorso che i Cinque Stelle stanno compiendo anche attraverso le battaglie in Parlamento e in senato dei due esponenti materani: Vito Petrocelli e Mirella Liuzzi. Il petrolio e la beffa delle royalties che il primo ha contestato al presidente Pittella ( a cui ha contestato il fatto che il petrolio porti vantaggi economici alla Basilicata, ndr.) che si comincia per proseguire con la battaglia sull'Imu agricola per cui la proposta dei Cinque Stelle è quella di evitare pesi sugli agricoltori, comprendo le somme con i costi dell'aumento delle tariffe delle concessioni per il petrolio.

Infrastrutture e soprattutto trasporto su rotaie sono al centro dell'impegno di Mirella Liuzzi che conferma i contatti con Rfi per un eventuale interessamento nei confronti di Fal per migliorare i collegamenti con Bari e l'aeroporto perchè “La pista Mattei – spiega – non è nel Piano trasporti nazionale, il nostro riferimento è e rimane la Puglia”.

“Andiamo avanti per la nostra strada – conclude Antonio Materdomini – Prossimo appuntamento il 10 aprile con un convegno sui vantaggi del microcredito”.

a.ciervo@luedi.it

 

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?