Salta al contenuto principale

Matera 2020 al voto con le primarie
Lo schieramento sceglie lo sfidante di Adduce

Basilicata

Tempo di lettura: 
2 minuti 36 secondi

MATERA - C’è un dato politico che varrà al di là del nome del vincitore di Matera 2020 ed è quello della partecipazione elettorale a queste primarie aperte che il movimento civico ha messo in campo.

E’ su questi numeri che si misura la buona riuscita o meno dell’appuntamento anche se i diretti interessati non si avventurano in previsione che, tra l’altro, senza i punti di riferimento dei partiti tradizionali, risultano quantomai azzardati e difficili da realizzare. Ma certo un numero molto ampio di persone premierebbe anche politicamente l’iniziativa e costituirebbe un viatico interessante anche in prospettiva futura. Quanto agli schieramenti politici la trasversalità che sostiene di fatto il Comitato Matera 2020 rende davvero difficile una previsione sul dato delle presenze.

Ieri intanto l’associazione ha provveduto a spiegare anche tecnicamente le modalità con le quali si svolgerà il voto.
In lizza cinque candidati: Maria Rita Iaculli (funzionario del Ministero degli Interni), Venanzia Rizzi (architetto), Massimiliano Amenta (professionista), Antonio Serravezza (imprenditore) e Raffaello De Ruggieri (avvocato).

Si potrà votare dalle ore 8 alle 22 in dieci seggi elettorali, dislocati nei quartieri da Nord a Sud della città e sia a La Martella che a Venusio.
Saranno allestiti in particolare dei gazebo tranne che al San Domenico e nella sede dell’Associazione Amici del borgo a La Martella dove si voterà in uno spazio chiuso.
Per votare sarà sufficiente, presentare un documento di identità valido insieme alla tessera elettorale o codice fiscale oppure tessera sanitaria.
Gli organizzatori hanno messo a punto un sistema di controllo, con un software dedicato, che consente di verificare se l’elettore, iscritto nelle liste del Comune, abbia votato evitando che possa farlo una seconda volta.

Lo spoglio delle schede e la proclamazione del candidato sindaco più suffragato avverrà a conclusione delle operazioni di voto.
Nel corso della giornata sul sito www.matera2020.it saranno fornite tre rilevazioni sulla affluenza al voto.
Negli orari canonici così come avviene per le normali votazioni.
I rappresentanti del Comitato organizzatore hanno tenuto a sottolineare come si tratta di un’iniziativa unica nel suo genere perchè non fa riferimento direttamente ad alcun partito politico.
Animatori di «Matera 2020» e candidati, nell’evidenziare l’importanza di primarie libere che rendono protagonista il cittadino per le scelte sulla città, hanno espresso fiducia circa la partecipazione dei materani al voto.
Hanno ricordato in proposito l’esperienza svolta in queste settimane attraverso contatti diretti con i cittadini, incontri, partecipazione ad eventi, iniziative promozionali e con l’utilizzo dei social forum, che sono serviti a una conoscenza diretta e a un confronto su problemi e sul programma messo a punto da Matera 2020.

Intanto è stata ufficializzata nella serata di venerdì la data del 31 maggio come Election day e il 14 di giugno per l’eventuale ballottaggio.
Il ministro degli Interni Angelino Alfano ha firmato il decreto che definisce ufficialmente il voto. Non trova dunque riscontro l’ipotesi di un ulteriore slittamento al 7 di giugno delle operazioni elettorali.

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?