Salta al contenuto principale

Vacanze romane per il rimpasto regionale
Incontri tra big Pd per capire come sciogliere i nodi lucani

Basilicata

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
2 minuti 15 secondi

POTENZA - Il futuro della nuova giunta regionale si snoda nella tre giorni a Roma che il presidente della Regione e gli altri big del Partito democratico stanno già vivendo da ieri. Previsti incontri a tutti i livelli. Il viaggio del governatore lucano nella capitale per incontri istituzionali sarà sicura occasione anche per capire come muoversi sul rimpasto della giunta.
L’agenda di Marcello Pittella è piena: oltre a incontrare i parlamentari lucani (come accade di solito) per la questione del buco della città di Potenza con la necessità di spingere sul Parlamento per far passare un decreto legge per spalmare il debito in più annualità il presidente della Regione - da fonti autorevoli - dovrebbe incontrare anche i leader della propria corrente del Pd. In particolare Lotti.
Con il quale si dovrebbe parlare dell’ingresso in giunta regionale di Luca Braia e anche degli equilibri materani con non tutti i renziani convinti sul sostegno al candidato sindaco Salvatore Adduce. Ma è anche evidente che nel faccia a faccia (più che probabile) con i renziani Pittella cerchi di avere notizie certe sul futuro di Roberto Speranza.
Perchè non c’è dubbio che una cosa è quello che si è capito a Potenza su tutta la vicenda della spaccatura nel Pd e un’altra è sentirla dai diretti protagonisti. E proprio in tale logica ci dovrebbe anche essere un incontro tra il leader di Area Riformista e Pittella. E non è un mistero che in ballo ci sia tutta la partita legata agli equilibri interni al Pd sia nazionale e sia regionali con la vicenda dei posti (e dei nomi) da inserire nella futura nuova squadra di assessori regionali.
Si comprende comunque che saranno momenti decisivi. Non dovessero esserci novità sostanziali da Roma per Pittella allora la questione del rimpasto potrebbe davvero slittare di qualche settimane. Se non addirittura mesi. Se invece, come in molti auspicano, Marcello Pittella dovesse trovare conferme dagli incontri nella capitale allora il rimpasto di giunta (o almeno il cambio di un paio di postazioni) potrebbe essere in dirittura di arrivo. Anche nei prossimi giorni. Ma tutto dipende dai colloqui romani.
Intanto sono giorni complessi anche nellaltro versante. Dopo le polemiche dei giorni scorsi sul mancato invito di Bersani e Speranza alla festa dell’Unità di Bologna ieri era una annunciata una riunione di Area riformista (la corrente guidata appunto da Speranza) poi rinviata. Di certo stamani alle 10 è convocato l'ufficio di presidenza del gruppo Pd alla Camera sulle dimissioni dallo stesso Speranza. Dovrebbe essere tutto più chiaro quindi entro pochi giorni. In un caso o nell’altro.

s.santoro@luedi.it

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?