Salta al contenuto principale

Rimborsi percepiti illecitamente in Regione
Contestato un danno erariale da 540 mila euro

Basilicata

Chiudi
Apri
Tempo di lettura: 
1 minuto 0 secondi

Un danno erariale di circa 540 mila euro, causato dall’illecita percezione di rimborsi per vitto, consumazioni e prestazioni alberghiere tra maggio 2010 e dicembre 2012, è stato segnalato alla Procura regionale della Basilicata della Corte dei Conti dalla Guardia di Finanza che ha individuato, «per presunte responsabilità patrimoniali», 32 tra assessori e consiglieri regionali lucana in carica nella nona legislatura.

Gli accertamenti delle Fiamme Gialle rappresentano la seconda fase delle indagini sull'attività dell’ottava legislatura, per cui alcuni mesi fa è stata già emessa una sentenza della Corte dei Conti.

In particolare, le indagini hanno consentito «di evidenziare - è spiegato in un comunicato diffuso dal Comando provinciale di Potenza della Guardia di Finanza - precipue criticità ed anomalie» sulle cifre rimborsate nell’ambito delle spese di rappresentanza.

Per alcuni consiglieri, il danno erariale segnalato dalla Guardia di Finanza è anche superiore ai 45 mila euro: sono stati ottenuti rimborsi per «soggiorni e consumazioni non direttamente connessi all’attività politica» e in alcuni casi «senza la documentazione giustificativa della spesa». (ANSA).

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?