Salta al contenuto principale

«Il Pd recuperi ciò che ci unisce e l'ascolto»
Lettera di Pittella a pochi giorni dal voto

Basilicata

Tempo di lettura: 
1 minuto 44 secondi

«Il voto di domenica prossima non può essere vissuto come una sorta di resa dei conti, tra e nei partiti di governo, e nel Pd in particolare. Tanto in Basilicata, come nel resto del Paese».

Il presidente Marcello Pittella affida a un messaggio l'attesa e le preoccupazioni sul clima in cui si sta svolgendo la campagna elettorale per le comunali. 

«Le diversità – che pure ci sono, e non vanno sottaciute – devono rappresentare un valore aggiunto. Un elemento di inclusione. Di maggiore rappresentatività. Un modo per invogliare i cittadini alla partecipazione attiva, sconfiggendo la sindrome del disinteresse e della sfiducia, alimentata dalla mala pianta della rassegnazione e del pregiudizio, che nelle ultime competizioni elettorali ha fatto crescere a dismisura l’esercito degli astenuti».

L'impegno: «Io lavorerò in questi ultimi giorni di campagna elettorale, e soprattutto dopo, a urne aperte, perché il voto di domenica 31 maggio renda più stabile la Basilicata. Le sue amministrazioni locali. La sua classe dirigente, in periferia come nei due capoluoghi di provincia. Lavorerò per un Pd che sappia metta a valore la capacità di ascolto e la voglia di partecipazione dei cittadini, recuperando ciò che ci unisce dalle ragioni che ci dividono».

«Non permetterò che il futuro della Regione possa essere condizionato dai veleni di una campagna elettorale, che per quanto aspra e difficile non può mai mettere in discussione la dignità delle persone, a partire da coloro che vivono un momento drammatico, spesso dovuto alla crisi economica e alla mancanza di un posto di lavoro - aggiunge Pittella - Quel metodo di amministrare il consenso ci ha portati allo stato in cui siamo. E se non vogliamo che la casa comune crolli del tutto, dopo essere stata seriamente danneggiata dal terremoto dell’antipolitica, dobbiamo impegnarci tutti, in questa vigilia elettorale, e a maggior ragione dopo, per recuperare sobrietà di linguaggio. Senso di responsabilità. Ma soprattutto un reale spirito di servizio, per il bene delle comunità amministrate».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?