Salta al contenuto principale

La scelta di Mario Dinnella
«La vera politica deve conoscere la città»

Basilicata

Tempo di lettura: 
1 minuto 18 secondi

E’ laureato in beni culturali con indirizzo antropologico, tema che nel programma elettorale di Raffaello de Ruggieri rappresenta uno dei cardini di sviluppo. Per questo Mario Dinnella ha deciso di mettersi al servizio della sua comunità e di candidarsi come consigliere comunale nella lista Matera Lab. Oggi è costretto a fare tanti lavori, nessuno dei quali valorizza le sue conoscenze, ma in futuro spera che la svolta possa avvenire.
«La mia è stata una scelta quasi naturale. La politica, d’altronde, ha perso credibilità. Una maggiore conoscenza di questa città sarebbe stata necessaria. La lista in particolare - prosegue - si propone di incrementare laboratori di partecipazione attiva da condurre insieme ad una ritrovata identità della comunità.
Credo di avere competenze adatte, la mia tesi di laurea era concentrata sulla masseria Malvezzi, uno dei patrimoni della città. La vera storia della città è questa, non quella che si legge nei libri di storia. E’ questo, in fondo, che si propone la vera demoetnoantropologia che conduce al progetto del Museo che è centrale nel Dossier di candidatura e del candidato sindaco Raffaello De Ruggieri. E’ un modo di fare storia partendo dagli usi e costumi della quotidianità delle popolazioni.
Raffaello De Ruggieri aveva carpito già 50 anni fa il profondo valore dei Sassi, ovvero il motivo principale per cui Matera è stata nominata capitale europea della cultura. La valorizzazione degli organismi fragili è al centro della sua attività ed è un aspetto che condivido profondamente».

a.ciervo@luedi.it

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?