Salta al contenuto principale

«I 5 stelle esempio di coerenza
Un modo serio di far politica»

Basilicata

Tempo di lettura: 
2 minuti 8 secondi

MATERA - «La coerenza è la nostra forza». Roberto Fico presidente della commissione di vigilanza Rai è stato ieri sera a Matera a sostenere il candidato sindaco Antonio Materdomini, ha parlato tutto d’un fiato senza quasi fermarsi.
Ma espresso concetti chiari, pochi riferimenti alle questioni locali ma molti alle battaglie fatte dal Movimento 5 stelle a livello nazionale, al modo diverso di fare politica che viene applicato ed alle scelte che si stanno facendo di giorno in giorno più numerose.
Ha chiuso con un riferimento «al reddito di cittadinanza che per noi è molto importante perchè essere un rappresentante pubblico deve voler dire innanzitutto pensare a chi ha più bisogno».
Fico non ha dimenticato le diverse battaglie di questi anni «dai rimborsi che abbiamo rifiutato riuscendo anche a modificare alcune leggi che c’erano, oggi per la prima volta c’è il microcredito di Stato che finanzierà con i soldi destinati ai rimborsi oltre 2000 aziende grazie agli stipendi dei parlamentari.
Noi vogliamo applicare un nuovo modo di fare politica che riesce a rendersi credibile anche per i cittadini, che mostra i suoi effetti positivi in molte situazioni locali penso alla Sicilia ma anche ai risultati ottenuti ad Assemini, a Pomezia.
A Matera si potrà ripetere con questo modo di fare le cose ciò che è stato fatto da altre parti».
L’attenzione è stata data soprattutto al metodo, non sono mancate battute velenose al Pd «che però non ha più molto tempo perchè con le nuove leggi e senza rimborsi dal 2018 sarà fallito, quello non è un partito, è una banca e le banche senza soldi falliscono».
Il percorso e la credibilità acquisita nel tempo è stato un altro degli aspetti su cui Fico ha insistito: «nessuno avrebbe creduto che riuscissimo ad ottenere questi risultati ma si può avere una realtà migliore, fare una raccolta differenziata spinta, non avere trivellazioni nè inceneritori, si può fare. Anche a noi avevano detto che arrivati qui, ci saremmo adeguati, avremmo fatto come gli altri ma in realtà non è successo. Stiamo continuando nella strada che avevamo iniziato, nulla è cambiato».
Una richiesta di credito e di credibilità che è il vero messaggio che Fico manda dal palco di piazza Vittorio Veneto, fidarsi di un’impronta diversa come quella che più degli altri, anzi esclusivamente., il Movimento cinque riesce a dare alla corsa politica.

p.quarto@luedi.it

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?