Salta al contenuto principale

Pierluigi Diso candidato del Pd
«Ho cinque priorità e torni la vera politica»

Basilicata

Tempo di lettura: 
1 minuto 33 secondi

«AMORE per la famiglia, per Matera, capitale europea per la cultura 2019, per i valori della partecipazione, della trasparenza» sono gli elementi distintivi dell’impegno nelle liste del Partito Democratico ed a sostegno di Salvatore Adduce che mette in campo Pierluigi Diso, 44 anni, avvocato
«La politica deve tornare a fare il suo mestiere e su cinque punti ho costruito la mia campagna elettorale «Il turismo è lavoro; L’università è crescita;I servizi sono la qualità della vita;La partecipazione attiva è responsabilità; Il buon governo è trasparenza.
Impegno, innovazione, programmazione e trasparenza sono le priorità che intendo portare avanti nel nuovo Consiglio comunale di Matera».
Diso non manca anche di concentrare la sua attenzione sul grande impegno che la città ha di fronte cioè Matera 2019: «non è uno slogan o un progetto da affidare ad altri, ma devono essere i materani gli artefici di questo percorso con l’apporto di quanti provenienti da altre regioni o Paesi sono stati conquistati da questa città.
Ritengo ci sia tanto da fare, ma occorre essere propositivi, concreti e capaci di monitorare costantemente l’evoluzione dei processi.
La gente chiede servizi, efficienza e produttività dalla macchina amministrativa del futuro governo cittadino e per farlo occorre dare fiducia a forze giovani». Poi conclude: «Occorre fare politica nella sala Pasolini, quella politica che deve costruire e non distruggere, unire e non dividere. La politica nel suo significato più alto è servizio, passione, confronto, condivisione, mai spartizione di potere.
Se la politica è anche costruzione di competenze per una nuova proposta comune tesa a formare la nuova classe dirigente, i rappresentanti politici-istituzionali nell’assise cittadina devono essere sostenuti realmente e lealmente, affinché restino sempre più vicini alla realtà della vita e alle sue trasformazioni».

Ti sei ricordato di condividerlo con i tuoi amici?